BENI CONFISCATI: TAVOLO ISTITUZIONALE PER IL RECUPERO E LA VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO AGRICOLO “LA BALZANA”

d3c563cc-b467-4c2c-97d4-3fea3541773e

7a627fc7-99f3-49a5-99ef-2fff8fc5a9da24adfd08-af1a-4306-94c6-e45bf3878ab3

 

Caserta, 8 luglio – Il ministro per il Sud Barbara Lezzi e il sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Alessandra Pesce, intervengono il 9 luglio al Tavolo di recupero e valorizzazione del complesso agricolo “La Balzana”, in provincia di Caserta, uno dei più grandi beni confiscati in Italia alla camorra.

L’evento si svolge presso il Centro di educazione e documentazione ambientale Pio La Torre, Via Vaticale – località Ferrandelle – Santa Maria la Fossa (CE).

Di seguito il programma:

ore 11.00 – Tavolo istituzionale sul progetto “la Balzana”

ore 12:00 – Incontro con le autorità locali, i rappresentanti delle associazioni di categoria e dei sindacati. Al termine, previsto punto stampa.

ore 13:00 – Pranzo con i prodotti provenienti dai beni confiscati alla camorra amministrati da Agrorinasce

ore 14:00 – Visita del complesso agricolo “la Balzana” e del complesso monumentale Reggia di Carditello alla presenza del presidente della Fondazione Real Sito Carditello, Gino Nicolais e del direttore Roberto Formato.

Saranno presenti, oltre al ministro Lezzi e al sottosegretario Pesce Pesce, il direttore dell’Agenzia per la coesione territoriale Antonio Caponetto, Giovani Allucci presidente del Cda di Agrorinasce, il direttore dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, Bruno Frattasi, il sindaco di Santa Maria La Fossa Nicolino Federico, il prefetto di Caserta Raffaele Ruberto, e un rappresentante del ministero dei Beni culturali e dell’ISMEA.

                                                                                                                                                                               La Balzana, il progetto

Il ministro per il Sud Barbara Lezzi si è fin da subito interessata al progetto di riqualificazione della Balzana, finalizzato alla creazione di un “Parco agroalimentare di prodotti tipici della Campania”. Per La Balzana è prevista una prima assegnazione di 15.114 milioni di euro a valere sul FSC (Fondo Sviluppo e Coesione) 2014-2020. Tali risorse saranno assegnate nei prossimi giorni attraverso la Cabina di regia del FSCpresieduta dal ministro per il Sud.

Gli stanziamenti saranno così suddivisi: 7 mln di euro per il 2020. 8,114 mln di euro per il 2021.

Il tavolo convocato il 9 luglio costituisce uno step importante per il progetto di recupero e valorizzazione de La Balzana, il complesso agricolo confiscato alla camorra, e destinato a finalità pubbliche e sociali. La struttura si trova nel comune di Santa Maria La Fossa, in provincia di Caserta, e si estende su un terreno di 200 ettari, presenta al suo interno circa 10 immobili produttivi e 10 villette bifamiliari, alcune delle quali sono di pregio storico. Il complesso agricolo è uno dei più grandi d’Italia e il più esteso della regione Campania. Il bene è stato confiscato nell’ambito del processo Spartacus 1 a Francesco Schiavone (Sandokan) e Francesco Bidognetti ritenuti i capi del clan camorristico di Casal di Principe.

La Balzana è stata assegnata dall'”Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni confiscati alle mafie” al Comune di Santa Maria La Fossa, per iniziative istituzionali e sociali. Al fine della sua valorizzazione, il Comune ha concesso la gestione de La Balzana ad Agrorinasce, società con capitale interamente pubblico che già si occupa di altri 156 beni confiscati.

L’obiettivo del progetto è la realizzazione del “Parco agroalimentare di prodotti tipici della Campania”. Un modello di efficienza produttiva che possa fare da traino per lo sviluppo del territorio attraverso l’insediamento di nuove imprese collegate al settore agroalimentare. Un modello che possa rafforzare la presenza delle istituzioni attraverso l’utilizzo di un bene confiscato, rispondendo concretamente alla richiesta di legalità delle comunità che hanno subito la presenza della camorra.

Il piano per la valorizzazione del complesso La Balzana si colloca all’interno della “Strategia nazionale di valorizzazione dei beni confiscati, attraverso le politiche di coesione”. Il 24 maggio è stato istituito, presso il Dipartimento per le politiche di coesione, il Tavolo di indirizzo e verifica della Strategia, quale presidio nazionale di coordinamento centrale di indirizzo e accompagnamento, con funzioni di programmazione, supporto all’attuazione e sorveglianza sull’avanzamento della Strategia stessa. In questo consesso è stata avanzata la proposta di una prima assegnazione di risorse.

Il Piano per la valorizzazione di beni confiscati nel Mezzogiorno, all’interno della Strategia nazionale, è finalizzato al finanziamento degli investimenti rivolti agli immobili confiscati con caratteristiche di rilevanza, sostenibilità e prospettive occupazionali e di sviluppo tali da quantificarli quali progetti esemplari. La Balzana rappresenta il primo progetto avviato di tale Piano.

Certi della Vs. collaborazione nella diffusione della notizia,

inviamo distinti saluti.

Ufficio Stampa

Via S. Giaquinto, 6 – 81100 Caserta

tel. +39.0823.18.44.045

www.advsinopia.it

michela@advsinopia.it

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *