Bigon: Al Napoli ci sono sintonia e programmazione

fonte SSCNAPOLI

“Al Napoli c’è sintonia e programmazione”. Riccardo Bigon parla ai microfoni di Radio Marte e lo fa con il consueto garbo e la grande capacità dialettica che gli appartiene. Il Direttore Sportivo azzurro snocciola i programmi della Società tra presente e futuro…

“In questi anni abbiamo impostato un lavoro sul medio e lungo periodo cercando sempre di guardare al futuro per investire e produrre un patromonio calciatore che permetta alla Società di rinforzarsi sull’immediato e parallelamente crescere nel tempo. Qui si è creato un ambiente solido che ha conferito al gruppo equlibrio ed unione in un clima di serietà, serenità e professionalità”

“I risultati raggiunti dal Napoli in queste stagioni testimonia dell’impegno e dell’applicazione di tutti nel progetto. In questa Società ci sono un Presidente ed un allenatore che hanno grande spessore, intelligenza e competenza. E se sono qui da tre anni ormai posso ben dire di aver portato il mio contributo anche in termini di personalità per creare qualcosa di importante. Io sono certo che su queste basi il Napoli garantirà ai tifosi un lungo futuro roseo”.

Il colpo di gennaio è stato Vargas…”Sì, merito principale va al Presidente che è stato molto deciso nel chiudere l’operazione. Vargas lo seguivamo da tempo, abbiamo osservato con attenzione la sua stagione. Abbiamo creato una struttura scouting all’avanguardia, con programmi software che ci tengono aggiornati sui minimi particolari. Cerchiamo anche di valutare l’uomo oltre che il calciatore. Micheli è stato in Sudamerica per due mesi ed ha avuto modo di conoscere bene Edu, le sue abitudini ed il suo modo di lavorare. Negli ultimi mesi, dopo il suo exploit, ci siamo ritrovati grandi Club che si sono inseriti nella trattativa e che volevano fortemente il giocatore. Lo abbiamo preso noi e la Società ha dimostrato di essere al passo con i top Club sul mercato. Adesso però Vargas va gestito con tranquillità, facendolo crescere nel gruppo in modo che possa esprimere il suo valore senza fretta”.

Si passa al calcio giocato. Una analisi sulla stagione azzurra…”Sinora è stata una stagione molto bella. Se solo penso alla Champions ricordo che dopo il sorteggio ad agosto mi arrivarono messaggi in cui si diceva: speriamo almeno che il Napoli possa fare qualche punto. Invece siamo stati protagonisti di una splendida cavalcata nella quale oltre al grande orgoglio abbiamo però dovuto profondere tantissime energie. Il campionato in italia è difficile ed è chiaro che la fatica si può pagare. Ma ad oggi siamo competitivi su tutti i fronti, compresa la Coppa Italia che è un obiettivo al quale puntiamo e che ci vedrà opposti ad una Inter fortissima che viene da sette vittorie consecutive. Ma ora andiamo per gradi e pensiamo al match col Siena”.

Infine una battuta sul pubblico. “Il mio rapporto con Napoli è bellissimo ed in questi anni ho visto una grande meturità dei nostri tifosi. Hanno capito la mentalità di questa squadra che incarna l’idea di calcio e la passione della città. Il Napoli non molla mai e cerca di imporre gioco sempre. Una caratteristica che conta al di là del risultato. Questo il popolo azzurro lo ha apprezzato e dimostra grande sensibilità nello starci vicino e nel leggere l’attuale momento della stagione…” 

 

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *