Cancello ed Arnone-Restaurata la sacra immagine di S.Biagio patrono della parrocchia S.Maria Assunta in Cielo

di Mattia Branco

Il maestro Raffaele Gagliardi

 
 
 
 

 

Don Rocco benedice la Statua di S.Biagio

Dopo il magnifico restauro della immagine della Madonna S.Maria Assunta in Cielo, Don Rocco Noviello che dirige la parrocchia di Arnone, ha è voluto ridare splendore alla bellissima statua di S.Biagio.Don Rocco ha affidato l’organizzazione del restauro ai discendenti di tre

da sx Antonio Merenda e Raffaele Cardillo

generazioni che venerano il Santo della Gola S.Biagio nella persona di Raffaele Cardillo e Antonio Merenda. Questi due instancabili fedeli non potevano fare altro che affidare questo delicato lavoro al maestro locale Raffaele Gagliardi già impegnato nel precedente restauro. Con il maestro Gagliardi abbiamo avuto un breve ed esaustivo colloquio in cui ci ha spiegato la tecnica applicata nel suo lavoro. Gagliardi fin da giovane ha amato le cose antiche e nel tempo da autodidatta si è specializzato nell’arte del restauro anche di mobili. “Il primo restauro di S.Biagio – ci ha detto il Maestro –è stato effettuato nel 1916, data sul retro della pedana di appoggio. Un nuovo restauro è avvenuto nel 1978/79 ed i colori sono stati tutti cambiati. Ho preferito andare fino in fondo ed ho tirato fuori i colori originali che ho ripristinato. S.Biagio aveva una borchia sul mantello e rimuovendola ho scoperto che era il contenitore delle reliquie, forse della lisca di pesce che il bambino miracolato stava ingoiando rischiando di affogare ed è per questo motivo che S.Biagio è stato definito il santo protettore della gola. Oggi la reliquia è stata posta in una teca a lato della statua” L’inaugurazione è stata festeggiata con una messa solenne celebrata dal parroco don Rocco Noviello che ha tracciato in sintesi la vita del santo martire vissuto nel III° e IV° secolo dopo Cristo. Il culto di S.Biagio nella diocesi di Capua iniziò nel X secolo. Don Rocco ha anche approfittato per parlare dell’insediamento del nuovo vescovo di Capua Mons. Salvatore Visco che ha mandato un messaggio di collaborazione tra il popolo di Dio e la Chiesa. La venerazione, invece, nella parrocchia di Arnone risale al XII secolo. Il Papa Alessandro III, già nel 1174, menziona una chiesa dedicata al santo nel territorio di Arnone. La festa di S.Biagio nella parrocchia di Don Rocco si celebra il 3 febbraio. Il parroco ha voluto ringraziare il maestro Gagliardi che ha fatto un lavoro eccezionale  con passione. Ha ringraziato anche i promotori di questa meritevole iniziativa Antonio Merenda e Raffaele Cardillo che tanta dedizione e fede nutrano per il Santo e non poteva non ringraziare il popolo che ha offerto il contributo morale ed economico per questo meraviglioso evento. Durante la Santa Messa Don Rocco ha anche impartito la benedizione della gola a tutti i fedeli presenti e distribuito un opuscolo che contiene la storia di S.Biagio redatto dallo studioso sulla vita dei santi Don Sabatino Sciorio. Dopo la Santa Messa una breve processione ha percorso alcune vie del paese. Oggi il corpo di S.Biagio, una parte si trova a Maratea ed una parte a Dubrovnik.

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *