Cancello ed Arnone, uragano Taormina

l'avv.Taormina

Prof. Raffaele Raimondo

cronista free lance

Via A.Diaz, 33

81046 GRAZZANISE (Caserta)

tel 0823-96.42.12340-500.67.64

e-mail: raffaeleraimondo1@virgilio.it       COMUNICATO-STAMPA del 20 gennaio 2010/bis

 

 

Commenti a ritmo frenetico sul commissariamento del Consorzio di Tutela della mozzarella dop

ED ECCO L’URAGANO-TAORMINA…

           Il noto avvocato tira giù impietose martellate a dritta e a manca

 

ROMA – Non si è fatto attendere, dalla capitale, il commento del professor Carlo Taormina sul commissariamento che il Ministero delle Politiche Agricole ha disposto per il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana dop. Questa la dichiarazione rilasciata, già ieri sera, dal noto avvocato: “Il ministro Zaia ha compiuto solo il primo atto di un’opera che deve tradursi nell’azzeramento del dominio camorristico del clan dei casalesi sull’allevamento bufalino e sul commercio mondiale della mozzarella di bufala campana.

E’ necessario, infatti, cacciare dal comparto tutti i caseifici del quale lo stesso clan si serve per il riciclaggio di denaro sporco e per uccidere il mercato della mozzarella, importando, fra l’altro, dall’estero latte disidratato o addirittura fabbricando latte con sostanze immonde.

Il tutto nel quadro della più ampia corruttela introdottasi in istituzioni sanitarie ed amministrative, ma anche dell’indifferenza di quella Magistratura insensibile a qualsiasi e circostanziata denunzia di fatti e all’indicazione dei boss della camorra che egemonizzano il mercato.

Il Consorzio per la commercializzazione della mozzarella che sedeva presso il Ministero delle Politiche Agricole era l’epicentro di questa catena di malaffare e da tempo ne avevo chiesto l’eliminazione a cagione dei personaggi che ne facevano parte.

Mi auguro che il ministro Zaia prosegua nell’opera intrapresa ed eviti lo scempio dell’allevamento bufalino tutelato dalla legge, così consentendo agli allevatori onesti -e che credono nelle istituzioni- dello Stato di sollevarsi dalle condizioni di prostrazione e di miseria alle quali li ha costretti il malaffare camorristico”.

 

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *