Caos Scuola, Di Costanzo: “L’anticipazione dell’ordinanza regionale sbugiarda Marino e Vairo. Si dimettano, Caserta merita di meglio”

NOTA STAMPA

“La Regione Campania ha anticipato i contenuti della prossima ordinanza che il Governatore De Luca firmerà a breve. Le scuole materne e le primarie, fino alla seconda, dovrebbero aprire in presenza e in didattica a distanza per le restanti classi. Una disposizione in contrasto con il precedente provvedimento del Governatore (che vedeva aperte solo prime classi e non anche le seconde) a cui avevano fatto fede, frettolosamente e improvvidamente, i nostri amministratori per la loro ultima ordinanza.

A questo punto – dichiara Rosi Di Costanzo, candidata sindaco di Speranza per Caserta – abbiamo tutti sotto gli occhi l’evidente e totale incapacità gestionale del sindaco Carlo Marino e dell’assessore Adele Vairo. Per opera e virtù dei nostri due amministratori mercoledì mattina il caos sarà servito secondo queste disposizioni: materne e prima elementare potranno entrare in presenza solo se seguiranno lo screening inviando i risultati al sindaco-virologo; le seconde entreranno regolarmente in aula per la didattica in presenza, e dalla terza elementare tutti a casa con la didattica a distanza. Questa ‘sconcezza’ burocratica è frutto dell’improvvisazione con cui Marino e Vairo hanno ‘gestito’ l’emergenza sanitaria in atto. Avrebbero potuto prendere esempio dalle disposizioni del vicino comune di Casagiove, più chiare e meno confusionarie di quelle adottate nella nostra città. Chiedo ufficialmente al sindaco Marino e all’assessore Vairo la modifica immediata dell’ultima ordinanza adottata dal Comune per evitare il caos mercoledì mattina, e le loro dimissioni. Questa città, – conclude la candidata di Speranza per Caserta –  nonostante tutto, merita di meglio.”

 

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *