CAPUA –Il Colonnello Roma ha assunto il comando del 17° reggimento “Acqui”. Col. Russo al Comando della Capitale

Generale Claudio Attilio Borreca passa in rassegna le truppe

 Dopo venti mesi di intenso e proficuo comando alla testa del prestigioso 17° Reggimento “Acqui”, il Colonnello William Russo ieri mattina ha lasciato il comando del reggimento al pari grado Domenico ROMA, romano, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito. Sotto la guida del Colonnello Russo, destinato al Comando della Capitale, il 17° Reggimento “Acqui”, ha affinato la preparazione di tutti i suoi quadri raggiungendo elevati traguardi di efficienza. La cerimonia ha avuto inizio alle ore 9.30 presso la Caserma “Oreste Salomone” alla presenza del Comandante del Raggruppamento Unità Addestrative dell’Esercito (RUA), Generale di Brigata Claudio Attilio BORRECA e delle Autorità civili, religiose e militari. “Oggi termina il mio mandato” – ha detto il Colonnello Russo nel corso della sua allocuzione – “che ho vissuto in maniera intensa e con tante soddisfazioni. I miei ringraziamenti vanno soprattutto agli uomini ed alle donne non solo del mio reggimento ma di tutto il raggruppamento perché dal giornaliero confronto e reciproco sostegno ho tratto la giusta energia ed il necessario supporto alla mia azione di comando. Il 17° è una bella realtà della forza armata che al pari degli altri enti del raggruppamento” – ha aggiunto – “è fatta di semplicità, abnegazione e soprattutto di disponibilità senza fronzoli. abbiamo reagito positivamente ad ogni sollecitazione interna ed esterna con serietà, svolgendo i nostri compiti con lealtà, in un ambiente sereno, dove tutti hanno avuto l’opportunità di esprimere al meglio le proprie potenzialità e sicuramente l’essere riusciti a mettere a disposizione della forza armata 5.000 volontari ne è la prova. Mentre lascio il comando” – ha sottoloineato con un po’ di legittima commozione – “ho solo una cosa da chiedere ancora ai miei primi ed unici fanti: non perdete l’entusiasmo che ho visto nel vostro giornaliero impegno c’è sempre la tentazione di limitare i costi, in termini di fatica, ma l’essere soldati significa impegnarsi sempre facendosi sostenere più che dal ragionamento dal cuore. Signor generale Borreca in questi due anni ho avuto modo di apprezzare la sua azione di comando sempre improntata alla massima trasparenza onestà e franchezza non ha mai fatto mancare il suo giusto sostegno e mi permetta gliene sono grato. il suo esempio lo custodirò nell’intimo dei miei ricordi militari più belli come quel lontano settembre dell’82 quando mi tenne a battesimo da soldato tra le mura della nunziatella. al colonnello roma mio successore rivolgo un grosso in bocca al lupo e sono sicuro che le qualità che lo distinguono avranno sicura evidenza nelle future fortune del diciassettesimo”.  

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *