CAPUA – Il comandante della scuola di applicazione in visita alla caserma Salomone

 

Generale_di_Corpo_d'Armata_Giuseppe_Emilio_Gay

di Nunzio De Pinto

Il Comandante della Scuola di Applicazione e Istituto di Studi Militari dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Emilio Gay, da cui dipende il Raggruppamento Unità Addestrative, nell’ambito delle attività cognitive delle varie realtà militari, preposte alla formazione dei volontari in ferma prefissata di 1 anno (VFP1), ha fatto visita alla Caserma “O. Salomone”, sede, appunto, del RUA. Dopo gli onori militari, l’Alto Ufficiale è stato ricevuto dal Comandante del Raggruppamento Unità Addestrative, Generale di Brigata Attilio Claudio Borreca, il quale ha illustrato, nel corso di un sintetico briefing, sulle attività del RUA, con particolare riferimento all’iter addestrativo del corso basico svolto dai VFP1. In questa prima visita al Raggruppamento in veste di responsabile della formazione di base e avanzata degli Ufficiali, dei Sottufficiali e dei Volontari della Forza Armata, il Comandante della Scuola di Applicazione e Istituto di Studi Militari dell’Esercito ha voluto constatare l’aderenza dell’offerta formativa di base per uomini e donne che hanno intrapreso la vita militare. Il Generale Giuseppe Emilio Gay, sposato con due figli ormai adulti, è laureato in Scienze Strategiche, in Scienze Internazionali e Diplomatiche con relativi Master ed è in possesso del diploma di specializzazione universitaria in Scienze Umanistiche. Militarmente parlando nasce “Carrista” e, fra l’altro, ha comandato il 182° Reggimento corazzato “Garibaldi”, il 13° Battaglione carri “Pascucci”. Nel grado di Generale di Corpo d’Armata ha comandato i Supporti delle Forze Operative Terrestri, la Forza di Reazione Rapida della Nato, tutte le Forze Nato in Kosovo ed il Centro di Simulazione e Validazione dell’Esercito.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *