Caserta-ENDAS: diritto alla salute in cattedra il professore Ferdinando Di Orio

Il rettore dell’Università de L’Aquila punta il dito contro gli sprechi

Adelaide Tronco: “La politica dovrebbe fare un mea culpa collettivo”      

Di Orio-Tronco

Il diritto alla salute l’argomento portato all’attenzione dei giovani partecipanti al corso socio-politico dell’ENDAS Caserta dal rettore dell’Università degli Studi de L’Aquila  Ferdinando Di Orio. Il professore abruzzese ha parlato della legge 833 del 1978 firmata dall’onorevole Berlinguer alla cui stesura egli stesso partecipò. “Abbiamo un fondamentale diritto alla conoscenza – ha spiegato il professor Di Orio – essere informati, conoscere i rischi di alcune pratiche di comportamento comune, la conoscenza insomma è l’elemento più importante che abbiamo per la nostra salute”.

Il rettore Ferdinando Di Orio, presidente della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul Sistema Sanitario alla fine degli anni ’90, non poteva non sottolineare gli enormi sprechi della nostra sanità dovuti alla costruzione di ospedali mai conclusi, al sistema dei farmaci, all’eccesso diagnostico ed ai ricoveri impropri.

“La politica, sulla sanità, dovrebbe fare un mea culpa collettivo” – ha dichiarato in merito la presidente provinciale dell’ENDAS Caserta Adelaide Tronco – “Con qualsiasi governo la sanità è rimasta sempre un capitolo critico del nostro bilancio nazionale ed ormai gli ospedali campani sono al limite della decenza. Bisogna puntare sulla meritocrazia – ha concluso la presidente Tronco – è la sola strada possibile per venir fuori dal pantano di anni di mal politica e malasanità”.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *