CASERTA, UNA CITTÀ SENZA CINEMA

 

Caserta – I cittadini di Caserta sono gli unici a non sentire la mancanza di sale cinematografiche, presenti dovunque ma del tutto scomparse nella città capoluogo.

Dopo la guerra , i casertani potevano vedere films sia di mattina, per lo più studenti, che di pomeriggio.

Ben 6 erano le sale cinematografiche in città, il Cinema comunale, Cinema Esedra, Cinema Corso, Cinema Patturelli, Cinema San Marco, tutti nel centro cittadino, ed il Pinocchietto, piccolo cinema dei ferrovieri in Via Napoli, molto frequentato per i prezzi bassi.

I casertani potevano scegliere di vedere i films, a secondo della Zona, Orario e Prezzi. In genere, noi andavamo all’ultimo spettacolo, quello delle ore 20,30, cioè dopo la chiusura del cosiddetto Fuori sacco da  fare pervenire alle sedi centrali dei giornali , tutte in Napoli. Allora non esistevano la posta elettronica ed i fax.

Un poco alla volta, tutte le sale cinematografiche chiusero i battenti e la città di Caserta rimase senza alcun Cinema.

Per vedere un film i casertani dovevano recarsi fuori Caserta con l’auto e solo di sera.

Siamo certi, però, che – quando sarà possibile a fine epidemia – i casertani sentiranno il bisogno di vedere un film fuori casa al Cinema invece che in Tv, come ora Virus imperante.

Mario De Florio – Cisas

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *