Castel Volturno-Fallita la spallata al Sindaco Scalzone

COMUNICATO STAMPA

Antonio Scalzone Sindaco Castel Volturno

Ieri sera i consiglieri Spierto Antonio, Petrella Luigi e Iovene Flavio hanno tentato di mandare a casa l’Amministrazione Scalzone, purtroppo per loro e fortunatamente per la nostra Città l’operazione gli è andata buca per la seconda volta. Assieme all’opposizione ed ad alcuni vecchi tromboni della politica castellana e con la collaborazione di un dipendente comunale, fratello del consigliere Petrella Luigi, hanno fallito il colpo, facendo fare una camminata a vuoto ad alcuni consiglieri fino a Caserta, dove vi era un notaio ad aspettarli per firmare congiuntamente le dimissioni. Ancora non abbiamo capito quali sono i motivi per cui i predetti consiglieri vogliono mandare a casa l’Amministrazione, i malpensanti dicono che della città se ne fregano, hanno a cuore interessi politici a noi poco chiari e di cui non comprendiamo i fini e gli scopi, di sicuro poco interessa a questi signori i problemi del nostro comune, non una sola proposta è giunta all’attenzione del Governo e della maggioranza solo pretese e richieste che poco o niente avevano a che fare con gli interessi generali. L’amministrazione rimane al suo posto e mantiene fede agli impegni assunti in campagna elettorale, nell’interesse esclusivo della Città, i tentativi di destabilizzare la maggioranza fa da sponda ad interessi di parte che non riguardano la buona e trasparente amministrazione, voler mandare a casa questo governo dopo pochi mesi dall’esito elettorale significa voler bloccare la rinascita del territorio e mantenere nel baratro questa città, perché per certa politica prevale l’interesse particolare rispetto a quello della gente. Informiamo i cittadini di questo squallido tentativo e per indicare chi non ama questa terra.

 

Il Coordinamento cittadino PDL

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *