lunedì febbraio 23rd, 2015 22:20 Zapata-Hamsik, il Napoli gode: è a -3 dalla Roma

FONTE SPORTSTADIO

@Getty Image

Napoli-Sassuolo 2-0. Nel nome di Duvan Zapata (un gol e un assist) e Marek Hamsik il Napoli batte il Sassuolo e spaventa la Roma: il secondo posto occupato dai giallorossi dista ora solo 3 punti.

 
Fuorigrotta tributa subito un grande applauso all’ex capitano Cannavaro, che dopo pochi minuti impedisce a Gabbiadini di fare male respingendo una sua conclusione e qualche istante dopo è un altro ex, Floro Flores, ad effettuare il primo tiro per gli ospiti. Di Francesco sfortunato: in meno di mezz’ora perde prima Antei (al suo posto Biondini) e poi proprio Cannavaro (rilevato da Bianco) per altrettanti infortuni.
 
Zapata, al centro dell’attacco schierato da Benitez, mostra subito di essere in partita, mettendo in costante apprensione la retroguardia neroverde. Ma alla mezz’ora è il Sassuolo a spaventare Andujar (preferito a Rafael dopo la partitaccia di Palermo): Berardi corre in campo aperto, scherza con Koulibaly e manca di poco il palo lontano con il sinistro a giro.
 
Dopo la grande paura di fine primo tempo, nella ripresa il Napoli passa al contrattacco e Zapata, servito da Maggio, manca di poco la rete dell’1-0. Ancora Berardi tira da fuori area e sbaglia di poco la mira, ma a segnare è il Napoli.
 
Ci pensa proprio Zapata, che all’ora di gioco trova un gol di rara caparbietà: due volte il suo tiro viene rimpallato, al terzo tentativo il colombiano trova il destro rasoterra che batte Consigli.
 
Il Napoli ormai è in controllo e meno di dieci minuti dopo raddoppia. E’ ancora Zapata a ricevere palla in area, ma questa volta appoggia alle sue spalle per Hamsik, che libera un gran destro a giro che si infila in rete. Nemmeno il tempo di esultare e i partenopei restano in dieci per un fallo tanto brutto quanto inutile su Missiroli di Mertens. Il belga, entrato da pochi minuti, si becca un rosso diretto.
 
In superiorità numerica la reazione del Sassuolo si limita a un gran tiro di Magnanelli su cui si supera Andujar, poi è Callejon a sprecare la palla del 3-0 mandando sul fondo un diagonale su contropiede azzurro.

In: calcioCommenti disabilitati su Zapata-Hamsik, il Napoli gode: è a -3 dalla Roma

domenica novembre 2nd, 2014 17:47 Higuain-Callejon gli azzurri dominano e volano al San Paolo

Napoli: Rafael, Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Jorginho, David Lopez (75′ Inler), Callejon, Hamsik (66′ Gargano), Insigne (72′ Mertens), Higuain. A disp.Andujar, Colombo, Henrique, Britos, Mesto, Radosevic, De Guzman, Michu, Zapata. All.Rafa Benitez

Roma: De Sanctis, Torosidis (83′ Liajic), Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas, Pjanic, Ketia, Nainggolan, Gervinho, Florenzi (65′ Iturbe), Totti (65′ Destro). All. Rudi Garcia

Arbitro: Tagliavento di Terni
Marcatori: 3′ G. Higuain, 85′ J. Callejon
Note: ammoniti Holebas, Maggio, Florenzi, Nainggolan

Napoli – L’Impero del Sole siamo noi! Il Napoli batte la Roma nel giorno di Ognissanti e diventa Capitale sotto la prima luce di novembre. E’ una marcia trionfale che comincia e non si ferma più nel canto di un’intera città che arriva fin lassù. E quando l’arbitro fischia il San Paolo vorrebbe che si giocasse ancora perchè una partita così resterà per sempre nella memoria. Higuain volteggia nell’aria quando è appena cominciata la sinfonia di Fuorigrotta. Il Pipita vola attaccato ad un gancio in mezzo al cielo ed in rovesciata volante segna un gol commovente. Poi è un rullo che gira nel  pomeriggio troppo azzurro e lungo che illumina l’orizzonte di una città splendente. Pali, traverse, occasioni a valanga, un immenso “high-lights” che dura più di un’ora. Fino al finale travolgente quando il sipario si agita sul passo double del tanghero Josè, “il buitre” che si avventa su una palla vorace in area e mette dentro la sua ottava meraviglia. Finisce con gli olè dell’Arena del San Paolo in un abbraccio intenso di passione ed emozione. Siamo noi l’Impero del Sole…

 

 

In: calcioCommenti disabilitati su Higuain-Callejon gli azzurri dominano e volano al San Paolo

sabato ottobre 18th, 2014 01:01 Nasce la nuova società calcistica “ASD FULGOR CANCELLO ED ARNONE”

di Mattia Branco

IMG_36270368169158

La storia calcistica di Cancello ed Arnone, risale a circa cento anni addietro quando il campo di calcio era allocato in via P.Pagliuca ed i nostri avi con nomi che sono rimasti nella memoria, in questi anni hanno giocato anche contro squadre blasonate ottenendo sempre degli ottimi risultati. Il calcio, che è stato e rimane uno dei più popolari sport al mondo, malgrado le tante polemiche, nel paese del Basso Volturno ha avuto sempre un ruolo importante sia sotto l’aspetto agonistico che sociale mettendo insieme tanti giovani di ogni estrazione facendoli crescere con una sana educazione sociale. Read the rest of this entry »

In: calcioCommenti disabilitati su Nasce la nuova società calcistica “ASD FULGOR CANCELLO ED ARNONE”

mercoledì ottobre 1st, 2014 17:41 SUPER TOTTI:E LA STAMPA INGLESE LO CELEBRA

TOTTI

Francesco_Totti_

Francesco_Totti_

Dopo la notte magica a Manchester e il gol da record, Francesco Totti ha conquistato l’Europa. Ora è il marcatore più anziano della Champions. Eterno nella Città Eterna. E i media inglesi lo celebrano come merita. Il Sun lo definisce “eternal footballer”, “Totti costringe il City alla rincorsa”, titola invece il Times, definendo quella dell’Etihad stadium la “notte di Totti”. “La leggenda italiana minaccia di buttar fuori il City dall’Europa”, riporta invece il Mirror, che poi ribattezza il capitano giallorosso “Totti the greytest“, divertente gioco di parole tra il più grigio (in termini di età) e il più grande.Per il Guardian il capitano romanista è “un veterano dotato di una classe senza tempo”, mentre il Daily Star lo definisce “Italian Maestro”, “il professore italiano” per eccellenza, capace con il suo gol di rendere il City “tottering” (Daily Express), ovvero barcollante, perché ora la qualificazione dei Citizens è tutta in salita. Ma non è tutto qui. Anche Twitter celebra Francesco Totti. Migliaia di cinguettii di tifosi giallorossi hanno invaso il social, ma all’esaltazione del Pupone han contribuito anche i tweet di Pallotta, della Roma, dell’Uefa e della Nazionale Italiana.

In: calcioCommenti disabilitati su SUPER TOTTI:E LA STAMPA INGLESE LO CELEBRA

venerdì settembre 5th, 2014 00:29 “E’ ingiusto che il Napoli snobbi l’Europa League”.

napoli lavezziCosì Adolfo Mollichelli ai microfoni di Radio Club 91 (nel corso di “91° Minuto condotto da Roberto Esse) che invita gli Azzurri a “impegnarsi e dare il massimo per cercare di vincere, come ai tempi in cui le Coppe Europee erano una cosa seria e ce n’erano tre”. E difende Higuain: “Il suo viaggio internazionale in Germania per la partita della Nazionale, finita 4 a 2 per l’Albiceleste, non va biasimato”. 

 
Francesca Cicatelli  
Radio Club 91
392 9225216    

 

In: calcioCommenti disabilitati su “E’ ingiusto che il Napoli snobbi l’Europa League”.

giovedì settembre 4th, 2014 00:17 Così Tiziano Crudeli giornalista e opinionista di Sette Gold ai microfoni di Radio Club 91 nel programma 91 Minuto.

 napoli lavezzi <<E’ evidente che sia una squadra troppo offensiva e che non può giocare con questo modulo. E’ forte ma in fase difensiva ha dei limiti. L’anno scorso siamo arrivati terzi>>. Devo distinguere tra l’uomo e il calciatore. Il giocatore ha segnato 18 goal nella stagione passata, l’uomo ha fatto degli errori clamorosi. Viene sostituito con mie perplessità da un giocatore (Torres) che in 102 partite con il Chlesea ha segnato solo 20 goal. Spero che l’assetto tattico di Inzaghi, che prevede il contropiede, possa esaltare le caratteristiche  dell’attaccante spagnolo.  L’inter è una squadra solita, Ce l’hanno tutti con Mazzarri ma non può fare miracoli. E’ una squadra che ha delle lacune ma solida. Con il suo modulo (3-5-2) può arrivare lontano>>.

 
Francesca Cicatelli 
Ufficio stampa 
Radio Club 91   
392 9225216

In: calcioCommenti disabilitati su Così Tiziano Crudeli giornalista e opinionista di Sette Gold ai microfoni di Radio Club 91 nel programma 91 Minuto.

martedì agosto 26th, 2014 23:53 Club Napoli Pietramelara-Una mostra di magliette di serie A

CS Club Napoli Pietramelara
 
Club Napoli
Pietramelara. Il Club Napoli “R. Di Fusco” di Pietramelara sabato 30 e domenica 31 agosto ospiterà, nella propria sede di via Matese, una mostra di magliette di calciatori di serie A dagli anni ’80 ad oggi. La mostra sarà aperta sabato 30 agosto dalle ore 17 alle ore 24 e domenica 31 agosto dalle ore 10 alle ore 18.30. L’ingresso è libero. Il Club Napoli, nato nell’estate del 2012 e presieduto da Ferdinando Nicolò, esporrà questa interessante raccolta di magliette originali e autografate provenienti da collezioni private. Saranno visibili le casacche sportive di grandi campioni del passato e del presente delle squadre calcistiche italiane: dal Napoli, alla Juventus, dal Milan, all’Inter. Inoltre, saranno presenti anche alcune maglie di calciatori di squadre straniere. Il Club è intitolato a Raffaele Di Fusco, ex portiere del Napoli e cittadino pietramelarese da anni, ma è stato anche dedicato ‘ad honorem’ al piccolo Ugo Santagata di Pietramelara, grandissimo tifoso del Napoli, venuto a mancare in giovane età alcuni anni fa. Per chi fosse interessato, presso il Club Napoli “R. Di Fusco”, in occasione della mostra, potrà effettuare l’iscrizione per il campionato 2014/2015, che inizierà sabato 30 agosto. Coloro che verranno a visitare l’esposizione di maglie celebrative, avranno anche l’occasione di partecipare alla sagra al borgo, organizzata dalla Pro Loco, proprio nei giorni 30 e 31 agosto.
 
CS

In: calcioCommenti disabilitati su Club Napoli Pietramelara-Una mostra di magliette di serie A

domenica agosto 3rd, 2014 00:42 UN FRANCOLISANO APPRODA AL COMANDO DEL SORRENTO CALCIO

 

E’ ormai fatta, la cordata di imprenditori guidata dal francolisano dott. Giuliano Palmieri, ieri ha ufficialmente  acquisito  il Sorrento Calcio. Tutto il lavoro e le varie trattative  succedutosi negli ultimi  giorni  in costiera sono giunte ha conclusione.  Dopo la retrocessione dalla serie C alla serie D l’intero staff dirigenziale come primo atto ha rassicurato la tifoseria iscrivendo la società al campionato di serie D, perfezionando tutti gli atti amministrativi compreso la fidejussione per la Lega. Ma il grande segnale e messaggio che la nuova dirigenza ha voluto dare al Sorrento ed ai sorrentini è quello di effettuare una vera rinascita  del calcio in costiera auspicandosi un ritorno ai gloriosi anni della dirigenza del Comandante Achille Lauro (1967). Difatti la presentazione ai tifosi all’intera penisola sarà ufficializzata lunedì prossimo presso l’Hotel Continental  del consocio direttore organizzativo Diodato Scala. Il presidente ed il proprio staff hanno affidato la panchina all’ex goleador del Napoli Roberto Carlos Sosa, mentre la direzione sportiva ad Ernesto Marino figlio del famoso Pierpaolo già Napoli oggi Atalanta, mentre il preparatore tecnico sarà Armando Fucci già collaboratore di mister Lippi ai tempi della Juve. Team manager il giovane Luigi Palmieri. Tutta la dirigenza, insomma – sottolinea Giuliano Palmieri –  spera di rilanciare il Sorrento  nel calcio conta, ma soprattutto di intensificare il settore giovanile oggi vitale per il calcio nazionale (vedi Ciro Immobile)  cresciuto nel Sorrento calcio.  Il presidente in ultimo  tiene a precisare la preziosa collaborazione della proprietà Nicola  Dionisio, dell’avv. Francesco Turco e quella del famosissimo professore nonché grande immobiliarista romano Massimo Chiappini.

 

In: calcioCommenti disabilitati su UN FRANCOLISANO APPRODA AL COMANDO DEL SORRENTO CALCIO

venerdì agosto 1st, 2014 23:50 Nel giorno del compleanno del Napoli, un ex allenatore ha parlato del passato e del presente dei colori azzurri: Bruno Pesaola.

Calcio Napoli 2
L’ex allenatore e giocatore azzurro, soprannominato il petisso, è intervenuto ai microfoni di Radio Club 91.
Ecco quanto evidenziato dalla redazione di 100x100Napoli: “In questi 88 anni ci sono stati giorni belli e brutti. Ad esempio Napoli – Anderlecht, gara di Coppa delle Coppe, è stata una truffa, un gol annullato per fuorigioco con un tiro da fuori area. Assurdo. E’ stata una brutta pagina.
Il calcio di ieri e oggi? Qualcosa è rimasto, si gioca sempre in undici ma come gioco dipende. I giovani non hanno visto il calcio di una volta che era più combattuto, c’era più azione, era più emozionante. Oggi è noioso”.

Mister, cosa ne pensa di Benitez? 
“Si comporta bene. Ha vinto dei trofei che sono i suoi biglietti da visita”.

Lo consideri l’allenatore giusto per il Napoli? 
“Non lo so, ma è un ottimo allenatore”.

Cosa manca al Napoli?
“In una grande società non manca nulla, bisogna prendere qualcosa che manca all’organico e non a casaccio. Nel calcio si può anche sbagliare. Il Napoli ha fatto ottimi affari ma ha anche sbagliato. Vargas per me è un ottimo giocatore”.

Dei giocatori del Napoli di oggi, chi gli sarebbe piaciuto allenare? 
“Chiunque, ho allenato tanti giocatori. Un allenatore non deve guardare in faccia ma in campo”.

Chi, quando ha allenato lei, non è stato all’altezza? 
“Le sorprese ci sono sempre. I giovani hanno tempo per migliorare e c’è chi va indietro”.

Le piace Jorginho? 
“Per quello che ho visto si, ma non più di tanto”.

 

REDAZIONE RADIO CLUB 91

In: calcioCommenti disabilitati su Nel giorno del compleanno del Napoli, un ex allenatore ha parlato del passato e del presente dei colori azzurri: Bruno Pesaola.

sabato luglio 26th, 2014 00:40 GIACOMO CROSA A RADIO CLUB 91

pallone_ufficiale9

“Ai vertici del calcio, alla presidenza della Figc vedo solo Dino Zoff. Mi auguro che quest’anno qualcuno faccia le riforme giuste”. E’ caustico  Giacomo Crosa ai microfoni di Radio Club 91 che dice la sua sulle politiche della Federazione e sottolinea come l’ex calciatore italiano sia “l’unico con un curriculum tale da consentirgli di conoscere tutti i meccanismi tecnici per far bene al contesto sportivo. Credo che conosca bene le dinamiche sportive per apportare miglioramenti sostanziali”. E sul prossimo campionato con in campo Roma, Napoli e Juve bacchetta le squadre che trovano nella “Coppa Uefa un alibi per non affrontar bene la Champions League”.
 
Francesca Cicatelli
Ufficio stampa Radio Club 91
392 9225216    

In: calcioCommenti disabilitati su GIACOMO CROSA A RADIO CLUB 91

mercoledì luglio 23rd, 2014 00:20 “Sarà un campionato con poche sorprese ma attenti alla Roma”.

Napoli calcioL’ex allenatore del Napoli Franco Colomba ai microfoni di Radio Club 91 ha una sua su Juve, Roma, Milan, Napoli. E’ cauto sulle favorite del campionato: “Per il Napoli è appena cominciato il movimento di mercato. La Roma sta puntando a giocatori forti e giovani e vuole vincere, La Juve è in riorganizzazione mentre il Milan deve fare di più”.  
 
REDAZIONE RADIO CLUB 91

In: calcioCommenti disabilitati su “Sarà un campionato con poche sorprese ma attenti alla Roma”.

martedì luglio 22nd, 2014 00:57 Tempo di sgambatura a Dimaro.

logo-34Aldo Biscardi intervenuto ai microfoni di Radio Club 91 elogia Rafael Benitez anche in versione estiva e gira un pollice in giù per la candidatura di Tavecchio alla Figc. “Ho visto Rafa raggiante, in tuta, emana forza giovanile. Il Napoli ce la puó fare ad essere grande.  Roma, Milan e Napoli sono le condottiere del prossimo campionato”. 

Il giornalista fa pronostici anche sulla Roma, “farà meglio della Juventus. La Roma è una squadra che sulla carta si presenta bene”. E il Milan? “Resta il vero condottiero”. 
E si spinge oltre: “il nuovo presidente della Figc sarà Giovanni Malagó.
Carlo Tavecchio è superato”. 
 
Francesca Cicatelli
ufficio stampa Radio Club 91
392 9225216

In: calcioCommenti disabilitati su Tempo di sgambatura a Dimaro.

domenica luglio 20th, 2014 19:34 Giorgio Perinetti a Radio Club 91

 

Napoli calcio
 
“Cambiamo strategia: attiviamo politiche di valorizzazione del calcio giovanile”. Quanto al  Napoli: “In attacco è ancora una squadra in cantiere ma potrebbe essere pronta per il Campionato”. Così il dirigente sportivo Giorgio Perinetti ai microfoni di Radio Club 91, che denuncia: “Il calcio italiano non è più incisivo in Europa. Seguiamo l’esempio di Germania, Belgio e Austria che hanno forti basi calcistiche. E sul Napoli :” Benitez ha fatto un buon lavoro, ha internazionalizzato le squadre. Dovrà lavorare con continuità”.
 
 
Francesca Cicatelli
Radio Club 91
3929225216
 
 

In: calcioCommenti disabilitati su Giorgio Perinetti a Radio Club 91

venerdì luglio 18th, 2014 01:17 “La Nazionale? Addio belle speranze.

imagesna Il pubblico non ci crede più “. Così l’ex allenatore e portiere italiano, il campione del mondo Dino Zoff intervenuto ai microfoni di Radio Club 91 nel programma 91 esimo Minuto. E sugli Azzurri: “Ottime chances per il Napoli quest’anno. Aspettiamo la campagna acquisti. La Roma, la Juve e il Napoli partono bene ma attenti alle intenzioni di Milan e Inter”.

 

Francesca Cicatelli

Ufficio Stampa Radio Club 91

392 9225216

 

In: calcioCommenti disabilitati su “La Nazionale? Addio belle speranze.

giovedì luglio 10th, 2014 23:36 MONDIALE, MATTIA ALTOBELLI A “RADIO CLUB 91″

pallone_ufficiale9 : “SIAMO ARRIVATI AL MONDIALE LOGORATI DAL CAMPIONATO “. E SUL NAPOLI ASSICURA :” E’ LA SQUADRA CHE INSIEME ALLA ROMA PUO’ DARE FILO DA TORCERE ALLA JUVE”. E CONFESSA : “NON HO DETTO ADDIO AL CALCIO, CONTINUIO A GIOCARE A LIVELLO DILETTANTISTICO NEL BRESCIANO MA NEL CUORE HO SEMPRE I MONDIALI DI PAPA’, VISTI PURTROPPO SOLO IN TV, PERCHè AL TEMPO AVEVO SOLO UN ANNO”

In: calcioCommenti disabilitati su MONDIALE, MATTIA ALTOBELLI A “RADIO CLUB 91″

domenica giugno 29th, 2014 01:17 Tecnologia per risolvere le sviste arbitrali.

pallone_ufficiale9COMUNICATO STAMPA

 La lobby del calcio dopo le “Bombolette”, “Goal line technology” apre a una novità ancora più rivoluzionaria, la moviola in campo, che potrebbe risolvere il problema dei gol fantasma, troppe volte causa di tafferugli e ridurre gli episodi di violenza.

Dopo le due azzeccate innovazioni sperimentate nel corso di questo Mondiale, il presidente della Fifa lo svizzero Joseph Blatter, apre alla moviola in campo “per dare una mano all’arbitro”, con un massimo di due richieste per tempo, e solo a pallone fermo. Intanto nel Mondiale brasiliano in corso stanno riscuotendo grande successo sia la bomboletta spray per le punizioni che la “Goal line technology”, determinante in occasione di Francia-Honduras della seconda giornata per convalidare il 2-0 dei Bleus. Due innovazioni promosse senza riserve dal numero uno della Fifa Sepp Blatter, che punterà a riproporle anche all’Europeo del 2016 in Francia.Ma non solo, il massimo dirigente vallesano apre ora anche alla… moviola in campo! Lo ha ribadito con un comunicato ufficiale. In una intervista al sito della Fifa ha dichiarato “Dovremmo dare un nuovo aiuto agli arbitri, introdurre un po’ più di giustizia nel gioco, fornendo agli allenatori il cosiddetto ‘challenge call’, due volte per tempo, quando la palla è ferma“. Per decidere “se c’è o no un rigore“, se il giocatore si trova “dentro o fuori l’area“, se c’è “fallo o no”. Questa potrebbe davvero rappresentare una svolta epocale. L’obbiettivo è quello di agevolare gli arbitri nel proprio compito e dare più… giustizia ai risultati. Gli allenatori potranno effettuare due “chiamate tecniche” per tempo, ma solo a gioco fermo, per contestare alcune scelte arbitrali e nella circostanza il direttore di gara visionerà il monitor (con le immagini tv fornite dal circuito internazionale) per verificarne la correttezza o meno.La regola non si applicherebbe invece al fuorigioco, trattandosi di una fase dinamica.Il presidente della Fifa, che ha avviato la riflessione sulla moviola dopo un gol annullato ingiustamente all’inglese Frank Lampard nella scorsa edizione dei mondiali, auspica che l’allenatore possa contestare una decisione dell’arbitro, insieme al quale ci sarebbe poi la verifica alla moviola, ma senza il controllo della Fifa.Alla luce di tali nuove possibilità, che ci offre la moderna tecnologia che potrà essere utilizzata anche in combinazione tra loro per assicurare ancor maggiore accuratezza, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” finalmente oggi le alte sfere del calcio stanno per  introdurre sistemi in grado di garantire un diritto di tutti i tifosi: quello della certezza delle competizioni sportive che raggiungengeranno un grado di verità prossimo al 100 %.

Lecce, 28 giugno 2014

                                                                                                                                                                                        Giovanni D’AGATA

In: calcioCommenti disabilitati su Tecnologia per risolvere le sviste arbitrali.

martedì maggio 20th, 2014 22:55 Danni permanenti per gioco violento, scontri di gioco pericolosi tra calciatori durante le partite di calcio.

COMUNICATO STAMPA

Calcio napoli 3Giovanissimo calciatore deceduto per uno scontro di gioco. Lo sport deve correre ai ripari quando lo scontro tra avversari non è stato solo un semplice contrasto di gioco.

 

L’attaccante del Persiraja, squadra professionistica indonesiana, Akli Fairuz è deceduto per le lesioni riportate in seguito a un calcio ricevuto all’addome

Una vicenda incredibile, quanto triste, quella accaduta in Indonesia: uno scontro di gioco su un campo da calcio ha portato alla morte della giovane promessa. L’attaccante del Persiraja ha riportato ferite interne, da prima sottovalutate, talmente gravi da portarlo alla morte qualche giorno dopo l’accaduto.

Nella partita contro il PSAP Sigli, valida per la seconda divisione indonesiana, in fase di attacco il ragazzo ha ricevuto un calcio all’addome dal portiere avversario, Agus Rahman, uscito di porta senza controllo. Gli animi in campo si sono accesi, è scoppiata una rissa, ma in seguito tutto è tornato alla normalità e il malcapitato addirittura ha seguito la parte restate della partita da bordo campo.

Nei giorni seguenti Akli Fairuz è stato ricoverato in ospedale per complicazioni, si sono evidenziate importanti lesioni interne, con interessamento dell’intestino e della vescica. L’operazione subita non ha scongiurato il peggio, il ragazzo è morto dopo sei giorni.

Ora è stato superato il limite. Basta al gioco violento. Il calcio è uno sport violento ma proprio per questo si deve prestare particolare attenzione nella punizione esemplare dei colpi pericolosi e irregolari, per proteggere i giocatori dagli infortuni.

Bisogna fare di tutto per tutelare i giocatori di ogni ruolo (attacco, difesa.) da infortuni non strettamente collegati a cause di gioco, provocati da comportamenti illegali e pericolosi: ogni condotta che mette deliberatamente a rischio la sicurezza dei giocatori deve essere punita. Occorre, pertanto, una presa di posizione forte da parte della FIFA e di tutte le federazioni calcistiche.

Basti pensare che una ricerca scientifica di un centro specializzato nello studio delle encefalopatie traumatiche dell’Università di Boston, ha effettuato un’analisi approfondita sulle conseguenze a lungo termine dei traumi subiti in carriera. Problemi degenerativi della memoria, depressione, danni cronici sembrano effetti permanenti derivati dai frequenti scontri di gioco. Se nei casi più tragici è messa addirittura a rischio la vita degli atleti, a preoccupare club e campioni è la frequenza di infortuni che possono far sfumare in pochi istanti investimenti (per i team) e carriere (per i giocatori), ma soprattutto è la pericolosa spirale emulativa che preoccupa, perchè i giovani che si cimentano nel nostro sport “nazionale” sono portati a prendere esempio da ciò che accade nelle arene dove si giocano gli incontri professionistici e prendono spunto dai comportamenti dei loro beniamini.

Non possiamo continuare a non dare il giusto risalto a storie come quella assai esemplificativa sullo stato di questo sport, accaduta nella lontana Indonesia, sottolinea Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”. Perchè i mondiali di calcio brasiliani sono alle porte e non pretendere un calcio davvero “pulito” a partire da questo fondamentale momento significherebbe perpetuare un modo d’intendere lo sport che crea ancora troppi gravi danni non solo tra i professionisti ma tra milioni di giovani e meno giovani che si dilettano in questa pratica.

Lecce, 20 maggio 2014                                                                                                                                                                                            

                                                                                                                                                                                                            Giovanni D’AGATA

In: calcioCommenti disabilitati su Danni permanenti per gioco violento, scontri di gioco pericolosi tra calciatori durante le partite di calcio.

mercoledì maggio 7th, 2014 01:57 Pietramelara/Vairano.Feste in piazza per la Juve

tifosi juventusCS tifosi Juventus
 
Feste in piazza per la Juve
 
 I tifosi bianconeri di Pietramelara e di Vairano Patenora hanno festeggiato il terzo scudetto consecutivo della Juventus. La squadra di Antonio Conte ha dominato il campionato 2013/2014, macinando record su record. Solo la Roma, che a tratti ha giocato il calcio più divertente, ha insediato il primato della Juventus. Alla fine della partita con l’Atalanta di lunedì sera (vinta 1-0), i tifosi juventini si sono radunati allo Juventus Club doc ‘Alessandro Del Piero’ e nelle piazze vairanesi per i brindisi e le foto di rito. Poco dopo sfilata con bandiere, caroselli e cori per le vie del paese.
 
 
Andrea De Luca 

In: calcioCommenti disabilitati su Pietramelara/Vairano.Feste in piazza per la Juve