giovedì luglio 5th, 2012 00:31 CELLOLE – Domenica scorsa numerosa spazzatura per strada, i cittadini protestano e chiedono la distribuzione degli appositi kit

 

sindaco_izzo

Nonostante il forte impegno dell’Amministrazione Comunale di Cellole per ripulire tutta la vasta zona di Baia Domitia sud, i cumuli di Rifiuti Solidi – con l’apertura delle numerose residenze estiva e col buttare via suppellettili casalinghi per la strada – domenica scorsa i rifiuti erano in forte ed evidente aumento, sia nelle vie centrali che nelle stradine interne, che non vengono pulite nemmeno nei mesi di Luglio ed Agosto. Le difficoltà ed i disagi dei residenti corretti e scrupolosi aumentano, a causa anche dei tanti villeggianti, i quali ritengono che sia normale buttare via ogni rifiuto a tutte le ore del giorno, ed anche i netturbini che – con orgoglio per il proprio territorio – potrebbero operare meglio e di più in questo periodo e nelle giornate di fine settimana, anche per il numero rilevante di gatti selvatici, che aprono le buste spargendo i resti al sole. A questi disagi, si aggiunge anche la carenza delle norme sulla Raccolta Differenziata e la mancata consegna dei vari kit, avvenuta parzialmente solo nel periodo invernale, cioè quando la zona era totalmente disabitata. La Segreteria della Cisas, sia per le lamentele pervenute allo Sportello del Cittadino della Cisas che per controlli effettuati personalmente da suoi collaboratori e fiduciari, ritiene  necessario che le disposizioni ed i kit necessari vadano consegnati dal personale addetto al più presto ai vari residenti, come è avvenuto dovunque, che, fra l’altro, pagano regolarmente la Tarsu. Ciò, anche perché non tutti possono accedere – di mattina e negli orari stabiliti, nei giorni lavorativi della settimana – presso i lontani Uffici comunali per ritirarli. La Segreteria della Cisas, unitamente alle varie associazioni locali, agli operatori balneari, commerciali, ristoratori ed alberghieri, lancia un appello a tutti a collaborare con l’Amministrazione per effettuare un rilancio, anche igienico della zona, cui tutti devono fare la loro parte, ad incominciare dai vari amministratori e consiglieri, a prescindere dai loro interessi politici, personali e di parte.

I Commenti sono sospesi.