CINETEATRO L’AURA

teatro_laura_fattitaliani (1)

Il CineTeatro L’Aura è lieto di invitarvi mercoledì 2 ottobre, alle ore 18, alla conferenza stampa di presentazione della stagione teatrale 2019/2020. Tredici spettacoli, tredici “Storie da vivere insieme”, tra comicità, critica sociale ed emozionanti colpi di scena.

Apre la stagione IDONEA MA NON AMMESSA, di e con Giulia Guastella (scritto con la collaborazione di Federica Bisegna), regia di Vittorio Bonaccorso. Protagonista è Giulia, talentuosa ventenne che vediamo alle prese con l’ambizioso sogno di diventare attrice. Tra ostacoli, aspettative – altrui e proprie – da rispettare, e l’attesa di una grande occasione per la sua scalata al successo, riuscirà Giulia a realizzare i suoi sogni o sarà costretta a venire a patti con la realtà? Lo scoprirete dal 10 al 13 ottobre.

Dal 17 al 20 ottobre va in scena VOCE ‘E NOTTE, una versione “sui generis” delle più classiche sceneggiate napoletane che, con i suoi personaggi topici – isso (lui), essa (lei), ‘o malamente (il cattivo) – e i suoi inediti colpi di scena, coniuga perfettamente tradizione e originalità. Il testo e la regia sono di Vincenzo Longobardi.

L’INTERCETTATO, dal 7 al 10 novembre, testo di Fabio Galli e regia di Antonella Maddonni. Una esilarante serie di equivoci coinvolge il pavido Paolo Martinelli, geometra dell’ufficio tecnico dell’assessorato ai lavori pubblici di una piccola cittadina, terrorizzato da presunte indagini della magistratura, e coinvolto in una corte sfrenata da parte della collega Simona e inmalintesi esilaranti. Risate assicurate, accompagnate anche da una riflessione su importanti temi dell’attualità: la corruzione negli uffici pubblici, i lavori sottopagati, la dipendenza dai social.

STORIE DI ORDINARIA PERVERSIONE, dal 28 novembre al 1° dicembre, testo scritto a quattro mani da Francesca Santini e Gianni Licata, che ne curano anche la regia. Porta in scena divertenti ritratti di donne, trasportandoci nel complesso mondo della femminilità, con le sue contraddizioni, la sua irriverenza, la sua brillante ironia, attraverso monologhi graffianti e coinvolgenti.

Dal 5 all’8 dicembre va in scena QUANDO HAI IL PIANO… ACCERTATI CHE SIA QUELLO GIUSTO, una commedia di Luca Giacomozzi, regia di Enrico Maria Falconi. Ci troviamo in una stanza d’albergo, dove assistiamo al comico scontro-incontro di un uomo e una donna, due anime diverse che riusciranno a superare i loro contrasti, per sfuggire alla solitudine.

“G. M. RADIO – Marconi è tornato”, una commedia di realismo contemporaneo scritta da Laura Monaco, per la regia di Mariella Pizziconi. Uno spettacolo che unisce comicità e situazioni talmente reali da sembrare impossibili, per raccontare il quartiere Marconi, attraverso gli occhi di un redivivo Guglielmo Marconi, girovago alla ricerca di una valvola per riparare la sua radio. Entrato in una portineria, fa amicizia con la portiera e con le donne del palazzo, che inaspettatamente diventano dei calciatori di un torneo di calcetto femminile. Cosa accadrà? Questo spettacolo cci accompagnerà per la speciale serata di Capodanno e l’evento del primo dell’anno il 31 dicembre e il 1° gennaio, e sarà in replica dal 2 al 5 gennaio.

Dal 16 al 19 gennaio 2020 va in scena L’AMORE È QUESTIONE DI NASO, testo e regia di Chiara Gambino. La commedia vede protagoniste due sorelle, dai caratteri agli antipodi: Nora è un’antropologa da strapazzo, le cui ricerche ruotano intorno a temi come l’emancipazione femminile, il sesso, il desiderio folle di un uomo da amare; Patti, invece, è pratica e schietta, e non concepisce il modo in cui la sorella tratta certi argomenti. Cosa accadrà al loro fragile equilibrio quando Claudio, giovane insegnante di educazione fisica, comparirà nelle loro vite?

7 MINUTI è uno spettacolo ispirato a un episodio realmente accaduto in Francia, a Yssingeaux. Sette donne, sette operaie, dovranno decidere, a nome di tutta la fabbrica in cui lavorano, se accettare una richiesta fatta dall’azienda multinazionale che ne ha acquisito la proprietà. La clausola è: “rinunciarea 7 minuti di intervallo”. Si accende un dibatto che tocca il tema del lavoro e del rispetto dei diritti dell’individuo all’interno di una società sempre meno rispettosa. Il testo è di Stefano Massini, la regia di Valentina Moscuzza.

Dal 30 gennaio al 2 febbraio, SANGUE, testo e regia di Mariella Pizziconi, con musica dal vivo. Sulla scena prendono vita intense storie che arrivano dal fronte delle due Guerre Mondiali, attraverso lettere e racconti scritti da soldati. Si dà voce a chi la guerra l’ha vissuta e pagata sulla sua pelle, si pone l’accento sull’assurdità della guerra stessa, parlandone in uno spettacolo in cui la poetica diventa pianto riflessione gioia e contraddizione.

IL TRIANGOLO NEI BERMUDA, una commedia di Silvia Falabella diretta da Enzo Masci. Si torna a ridere, dal 5 all’8 marzo, con un triangolo amoroso dai contorni originali e inaspettati. Infatti, i due protagonisti, Stefano e Martina, fidanzati entrambi da un anno ma folgorati da un colpo di fulmine reciproco, non sanno di avere in comune qualcosa di più del tradimento: condividono la stessa fidanzata. Il triangolo alla sua massima potenza!

SEI PERSONAGGI IN CERCA D’ATTORE va in scena dal 12 al 15 marzo, testo e regia di Emilia Miscio. Una Compagnia Teatrale porta in scena un giallo inglese degli anni ’30.Uno dei loro attori è presumibilmente morto e il suo ruolo viene ricoperto – con tutti gli esilaranti errori del caso – dal fonico, il cui ruolo, a sua volta, verrà preso dalla regista. Si può immaginare la confusione che creeranno queste sostituzioni: ma, come si dice, lo spettacolo dovrà andare avanti! Tante risate e tanti equivoci.

DUE ATLETICI SOLDATI SI INCONTRANO (quasi per caso) NEL BEL MEZZO DI UNA GUERRA va in scena dal 16 al 19 aprile. Il testo di Giacomo Chiaro racconta l’incontro tra i due soldati di schieramenti opposti, Pete e Carter, a metà strada sul campo di battaglia. Nasce un’amicizia inaspettata, che va oltre l’insensatezza della guerra e degli schieramenti, e che porterà i due protagonisti a dover prendere una decisione che forse cambierà per sempre le loro vite e il loro modo di… ridere.

Chiude la stagione GLOEDEN’S DARK ROOM, dal 7 al 10 maggio, testo di Antonio Mocciola, regia di Giuseppe Bucci. Siamo nella Sicilia di fine ‘800, il tedesco Wilhelm Van Gloeden, detto “Il barone Guglielmo”, approda a Taormina a 22 anni: qui il barone comincia a scattare le sue irriverenti fotografie di giovani nudi, dal sapore arcadico e omoerotico, che poi espone in gallerie internazionali riscuotendo un clamoroso successo e facendo diventare Taormina una forte meta di turismo. Dapprima fortemente criticato, poi ammirato, Gloeden farà la conoscenza del giovane Salvatore, timido ragazzo che comincerà a fargli da modello. Tra i due nasce un rapporto di amore e odio, intenso, e continuo, ribaltamento di ruoli, dove l’arte sostituisce la vita (e viceversa), fino alle estreme conseguenze.

Vi aspettiamo mercoledì 2 ottobre alle ore 18, per conoscere la programmazione del nuovo cartellone teatrale, ascoltare i nostri artisti e brindare in allegria all’inizio di questa nuova stagione di “Storie da vivere insieme”.

AVVISO AI SOCI.

Per saperne di più http://www.teatrolaura.org/stagione-2019-2020/

CineTeatro L’Aura

Via Pietro Blaserna, 37 (Angolo con Vicolo di Pietra Papa, 64)

Roma – Zona Marconi

Tel. 346 4703609 oppure 06 83777148

Mail nuovoteatrolaura@gmail.com

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *