CONFESERCENTI NAPOLI: TITOLI DI VIAGGIO, PRONTI A BLOCCARE LA VENDITA DEI BIGLIETTI

Confesercenti-Logo-600x241


Il presidente Vincenzo Schiavo: “Necessario alzare la voce per difendere il futuro delle attività commerciali”

Esito negativo della riunione convocata al Comune di Napoli per dirimere la incresciosa situazione creatasi ai danni dei rivenditori dei titoli di viaggio (per il trasporto pubblico a Napoli) emessi dalla Scarl “Giraservice”. Edicolanti e tabaccai hanno dovuto prendere atto della decisione unilaterale di subire una riduzione dell’aggio dal 3,5 % al 3%, comunicato agli stessi con una semplice lettera circolare.
A questo punto le categorie dei rivenditori, supportate dalle federazioni di categoria FeNaGI/Confesercenti e Assotabaccai/Confesercenti, sono pronte a bloccare la vendita dei biglietti in assenza di un ritorno almeno al precedente aggio, equivalente al 3,5%.
Il Presidente di Confesercenti NapoliVincenzo Schiavo, appoggia l’iniziativa di FeNaGi e Assotabaccai: «Abbassare ulteriormente gli utili di edicolanti e tabaccai con una decisione unilaterale è inaccettabile, ancora di più visto che mai nessuno si è posto seriamente il problema delle tasse che aumentano, degli affitti altissimi che molti esercenti sono costretti a pagare in una città in cui le infrastrutture sono carenti e in alcuni casi inesistenti. Il ruolo mi impone di spronare questi commercianti ad alzare la voce affinché i nostri politici comprendano che le nostre rivendicazioni non sono capricci bensì necessità per mantenere aperte le nostre attività commerciali».
Gli edicolanti e i tabaccai della Confesercenti, nel ringraziare il Comune di Napoli per il ruolo attivo di mediazione che sta svolgendo, ribadiscono di voler continuare a svolgere il servizio che svolgono da anni nonostante la progressiva riduzione negli anni degli aggi previsti. Si ricorda, inoltre, che il servizio è offerto per un lungo numero di ore al giorno, sette giorni su sette, con capillarità e in luoghi, quali le stazioni delle metropolitane cittadine, linfa vitale per tutte le attività e per il turismo del capoluogo e della provincia.
Allo stesso tempo i rivenditori rifiutano di essere il terminale di situazioni contabili di difficoltà, poichè su essi stessi piovono tasse, fitti, tributi e balzelli vari che rendono molto difficile tenere aperte quotidianamente le proprie attività commerciali.
In assenza, quindi, di un ritiro in tempi stretti da parte della società Giraservice della riduzione dell’aggio, i rivenditori si vedono costretti a sospendere la vendita dei titoli di viaggio. Consapevoli e scusandosi anticipatamente dei disagi che si potranno creare a cittadini e turisti e ribadendo ancora la volontà di voler offrire tale servizio, i rivenditori ritengono sia giunto il momento di far capire che esso debba essere adeguatamente remunerato e che le decisioni che li riguardano debbano essere condivise e non unilaterali.

CONFESERCENTI NAPOLI

FENAGI/CONFESERCENTI NAPOLI

ASSOTABACCAI/CONFESERCENTI NAPOLI

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *