E tu che mondo vuoi? Il giro d’Italia di Emergency per parlare di pace, democrazia e diritti umani

COMUNICATO STAMPA

E tu che mondo vuoi? Il giro d’Italia di Emergency per parlare di pace, democrazia e diritti umani

 

“Ripudiamo la violenza, il terrorismo e la guerra come strumenti per risolvere le contese tra gli uomini, i popoli e gli stati. Vogliamo un mondo basato sulla giustizia sociale, sulla solidarietà, sul rispetto reciproco, sul dialogo, su un’equa distribuzione delle risorse”: inizia così Il mondo che vogliamo, il manifesto di Emergency presentato da Gino Strada – fondatore dell’associazione – all’Incontro di Firenze sei mesi fa, e oggi insieme con esponenti della cultura e della società civile e con i cittadini che parteciperanno agli incontri che si stanno tenendo con grande successo in molti teatri d’Italia.

 

Appuntamento a Teano, domenica 20 marzo, ore 21,00 presso l’Auditorium Diocesano, in viale Italia, con un dibattito in cui interverranno:

 

Cecilia Strada, presidente di Emergency

Suor Rita Giaretta, attivista di casa RUT (Centro di Accoglienza per donne Immigrate)

Giuseppe Aragno, docente di Storia Contemporanea Università “Federico II”

 

Con questo ciclo di incontri, Emergency continua un impegno assunto sin dalla sua fondazione: all’attività di cura delle vittime della guerra e della povertà, l’associazione ha sempre affiancato la promozione di una cultura di pace e di rispetto dei diritti umani.

Un impegno che si sta dimostrando sempre più necessario anche in Italia: anche nel nostro paese è indispensabile lavorare per impedire che diritti essenziali di tutti – il diritto a ricevere cure gratuite e d’eccellenza, il diritto a una scuola pubblica di qualità, il diritto a una pubblica informazione … – diventino privilegi di pochi.

 

Gruppo Alto Casertano

altocexemergency@virgilio.it

333 737 0000

 

 

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *