EQUITALIA, CITTADINI IN FILA PER PAGARE.

 

 

Caserta –  Equitalia, ormai è divenuto un problema per i cittadini di Caserta e provincia raggiungere gli sportelli della Società pubblica di riscossione.

Numerose le segnalazioni  pervenute allo Sportello del Cittadino – Cisas da parte di utenti interessati, costretti a fare lunghe file per accedere agli sportelli di Equitalia al fine di poter avere spiegazioni su richieste di pagamento od atti ricevuti, che spesso non vengono neanche fornite. Unici a subirne le conseguenze sono i cittadini costretti a tornare più volte ai suddetti uffici con disagi enormi oppure con giornate di lavoro perse.

Il caso rottamazione delle cartelle esattoriali ha aggravato di più la delicata situazione.

È ormai diventato per tutti un vero problema, evidenzia la Confederazione Cisas, tanto che è stato necessario pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale il decreto legge 36/2017, col quale viene prorogato al prossimo 21 Aprile il termine per la presentazione delle domande di rottamazione.

I cittadini non sanno nulla sulle procedure idonee a presentare le domande di definizione agevolata, le rinunce al contenzioso in corso e le modalità di versamento dell’importo dovuto, che va versato – ricorda la Cisas –  con un massimo di 5 rate, l’ultima delle quali entro Settembre 2018.

Per venire incontro all’esigenze dell’utenza e per agevolare anche il pesante lavoro, che il personale di Equitalia è costretto a svolgere causa la notevole affluenza degli utenti, la Segreteria della Cisas chiede alla Direzione Equitalia di voler prolungare, almeno fino al 21 Aprile, l’accesso al pubblico anche negli orari pomeridiani di tutte le giornate lavorative.

È questo l’unico modo per consentire ai contribuenti, che non vogliono evadere il fisco, di poter pagare quanto effettivamente dovuto se accertato.

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *