IL DIRETTORE DELLA REGGIA FELICORI ALL’ASSEMBLEA DEL CO.AS.CA ALL’HOTEL DEI CAVALIERI MARTEDÌ PRIMO MARZO ALLE 18.

FELICORI

 

Il Coordinamento delle Associazioni Casertane (Co.As.Ca.) incontrerà per la seconda volta il Direttore della Reggia Mauro Felicori che si è dichiarato disponibile a partecipare all’assemblea del 1° marzo che, come di consueto, si svolge all’Hotel dei Cavalieri in piazza Vanvitelli. In quella sede il manager bolognese illustrerà ai rappresentanti delle oltre 70 Associazioni aderenti al Co.As.Ca il progetto complessivo di rilancio del Monumento vanvitelliano, dichiarato nel 1997 Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco insieme al Parco, all’Acquedotto Carolino e al Complesso di San Leucio, targato Felicori.,

Il primo colloquio, svoltosi lo scorso 17 dicembre presso la Reggia ed al quale ha preso parte una delegazione del Direttivo formata dal presidente Marcello Natale, dal vicepresidente Mario Giardinetto (Comitato pro Tribunale a Caserta), dai consiglieri Carlo Iacone (Fisar e Fand) ed Enzo Battarra (Lilt), è stato molto costruttivo. Il Direttore ha fornito opportune risposte alle diverse criticità presentate dai delegati del Coasca che, in quell’occasione, gli hanno anche consegnato un documento nel quale il Co.As.Ca, nel suo ruolo di osservatore-protagonista delle problematiche connesse al principale monumento cittadino, ha denunciato lo stato delle cose, in particolare le gravi carenze organizzative che mortificano il complesso monumentale e che tiene lontano molti tour operator che lo preferiscono ad altre mete artistiche, nonché il degrado intorno alla stessa Reggia.
Martedì pomeriggio 1° marzo, alle ore 18, un secondo incontro esteso a tutti i rappresentanti delle tante associazioni del territorio con le quali lo stesso Felicori ha da sempre sempre garantito di voler collaborare per rilanciare la Reggia di Caserta.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *