INFORMAZIONI IMMOBILIARI

di Mattia Branco Junior

 Per acquistare un immobile i primi passaggi da fare sono nell’individuare in modo chiaro le proprie esigenze e stabilire le caratteristiche dell’immobile che si intende acquistare.  Ognuno si deve fare delle domande molto precise e stabilire:  – Che disponibilità economiche ho? –  Sono sufficienti o devo ricorrere ad un mutuo ? ( e quindi stabilire con precisione la parte di reddito da destinare per la rata di mutuo ) –  Deve essere un appartamento o una villa Quali sono le esigenze della mia famiglia? –  Meglio una casa nuova o da ristrutturare? – Box a. è importante o no?  

Una volta che si ha una visione chiara dell’immobile da acquistare  si va in una Agenzia Immobiliare e l’Agente vi farà visionare Immobili adatti alle vostre esigenze senza ulteriori perdite di tempo. La scelta di comprare casa non è mai una scelta azzardata, perché chi resta in affitto certamente non sarà mai proprietario e l’acquisto anche con un mutuo alla fine si rivelerà vincente, perché il mattone nel medio lungo periodo ha dimostrato una valutazione superiore a qualsiasi investimento, e poi ricordarsi che è possibile detrarre dall’irpef gli interessi passivi del mutuo. In Italia quasi l’80% delle famiglie vive in una casa di proprietà e questo vuol dire come gli Italiani amano il mattone. E’ fondamentale che il Venditore o Acquirente facciano una scelta chiara e precisa e affidarsi ad una Agenzia seria e competente per semplificare e ottimizzare i tempi che occorrono per la compravendita.

Contratto Preliminare e Rogito  Notarile

Un buon contratto preliminare è alla base di tutta la compravendita. Nelle pattuizioni occorre evidenziare che l’immobile verrà consegnato libero da persone e cose, salvo che non si acquisti per investimento e  si accetti un immobile locato con subentro nel contratto. L’immobile deve essere libero da ipoteche, e se gravato deve essere cancellata prima del rogito. Verificare scrupolosamente la situazione urbanistica e verificare che alla firma ci siano tutti i soggetti titolari del potere di vendita.

Il rogito è il contratto che perfeziona la compravendita e con esso il venditore trasferisce la proprietà giuridica dell’immobile e il Notaio deve obbligatoriamente registrare il contratto entro venti giorni all’Agenzia dell’Entrate e effettuare la trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari. Con l’avvento della Legge Bersani è obbligatorio la tracciabilità dei pagamenti che vanno analiticamente descritti sia nel contratto preliminare, sia nell’atto notarile, e devono essere fatti con assegno circolare o bancario non trasferibile intestato al venditore, oppure con bonifico bancario e beneficiario il venditore.

 E’ obbligatorio  dichiarare tutta la somma, ma le imposte da pagare si applicano sulla rendita catastale rivalutata.

 Ecco alcuni dati: 3% prima casa,  10% seconda casa, oltre le tasse fisse, e vengono applicate sul valore catastale dell’immobile rivalutato. Questo nel caso di acquisto da un privato.

Mentre per l’acquisto da un costruttore  si paga l’IVA se la vendita si conclude entro 4 anni dall’ultimazione lavori al 4% sul totale dell’importo nel caso di prima casa oltre le tasse fisse, o il 10%  se seconda casa oltre le tasse fisse.

 Invece si paga l’imposta di registro con aliquota del 3% sempre nel caso di prima casa oltre le tasse fisse se la cessione è effettuata da impresa “non costruttrice”, oppure quando il venditore è un’impresa costruttrice (o che ha ristrutturato l’immobile) e la vendita avviene dopo 4 anni dall’ultimazione dei lavori. Si arriva al 10% nel caso di seconda casa.

 

Notizie a cura di Branco Mattia Ag. Eurocasa Immobiliare Caserta  Associato FIAIP    www.eurocasa.org

 

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *