La nomina di Maria Rosaria Laudisio a segretaria della Ugl Salute di Caserta deve aver turbato il sonno di molti

“La nomina di Maria Rosaria Laudisio a segretaria della Ugl Salute di Caserta deve aver turbato il sonno di molti, e noi ne siamo felici perchè vuol dire che siamo tornati centrali lì dove qualcuno ci preferiva estinti”. E’ questo il commento che ha rilasciato il Segretario territoriale della Ugl Caserta Ferdinando Palumbo rispondendo a quanto apparso su una testata giornalistica locale. “Stupisce l’attacco che riteniamo sgraziato verso una sindacalista che è soprattutto una donna lavoratrice” argomenta Palumbo “ma alla Ugl abbiamo spalle larghe e siamo abituati a lavorare, pertanto la migliore risposta che ci prefiggiamo di fornire è quella che arriverà sul campo. Rivendico una ventennale amicizia con Maria Rosaria Laudisio la quale se ha colto il nostro invito a guidare una categoria importante lo ha fatto perché è giunto a compimento un percorso di confronto che l’ha portata a misurarsi all’interno di una confederazione, è un passaggio importante che andrebbe sostenuto e non criticato. Noi siamo in campo per dialogare con tutti e se i lavoratori del comparto si lasceranno coinvolgere dalla nostra organizzazione che vanta sessant’anni di storia non vedo quale problema possa esserci. Sappiamo bene che il Covid non concede tregua ai cittadini ed ai lavoratori, ma siamo persuasi che ne verremo fuori col dialogo. Credo che siano opportune le scuse alla nostra organizzazione” conclude Palumbo “poichè di sponsor politici non ne abbiamo bisogno, le nostre scelte sono autonome”.            

UGL CasertaSegretario Provinciale Unione Territoriale del LavoroFerdinando Palumbo
Piazza Ruggiero, 3 – 81100 – Caserta333 7873804

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *