LIDU: DUE PRESTIGIOSI INCARICHI AL COMITATO DI CASERTA: CARLO IACONE È IL NUOVO SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE, LA DIRIGENTE ADELE VAIRO, COORDINATRICE NAZIONALE PROGETTI SCUOLA.

Vairo-Adele

COMUNICATO LIDU CASERTA

 

 

 

 

Il 24 luglio nel corso del Comitato Esecutivo della LIDU che si è riunito a Roma nella sede della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo, sono stati assegnati due importanti riconoscimenti al Comitato di Caserta che vanno ad aggiungersi a quelli già esistenti: Carlo Iacone, Componente dell’Esecutivo Nazionale, è stato nominato anche Segretario Generale;  Adele Vairo, attuale Vice Presidente Nazionale e Componente Esecutivo Nazionale, è la  nuova Coordinatrice Nazionale dei Progetti Scuola. Viene così premiato e gratificato l’impegno sociale e civile dei valori della Lidu sul territorio casertano.

L’attuale comitato esecutivo nazionale presieduto da Eugenio Ficorilli e composto da Oreste Bisazza Terrasini, Giancarlo Maiani, Marina Valentini, Tiziana Promozich ed i casertani  Adele Vairo e Carlo Iacone, è impegnato affinchè la Lidu prosegua nella sua attività Istituzionale a  difesa dei diritti umani con attività ed iniziative sull’intero territorio nazionale.

Il Comitato di Caserta della Lidu, dal canto suo, continuerà e rafforzerà la sua azione intrapresa a difesa dei diritti umani, con altre eventi concertati con i  Comitati Lidu in Italia. Nello specifico grande risalto sarà dato al progetto scuola, guidato dalla dirigente del  prestigioso Liceo Manzoni Vairo, che intende  portare all’attenzione delle nuove generazioni l’importanza della difesa dei diritti dell’uomo e con essa il miglioramento della società civile.

La Lidu, che si ispira ai principi universalmente riconosciuti di fratellanza, solidarietà e fraternità, è la più antica associazione italiana impegnata nella diffusione della conoscenza e l’applicazione dei diritti fondamentali dell’uomo. Fondata nel 1919, resta fedele alla sua missione, così definita nello Statuto-Regolamento approvato dal Congresso Generale della Lega a Parigi, il 15 Luglio 1927: «La Lega afferma e difende i principî essenziali della convivenza civile e particolarmente l’inviolabilità personale e domiciliare dei cittadini; la libertà di coscienza; di parola; di stampa; di riunione; di associazione; di azione sindacale in patria ed all’estero; la piena e diretta sovranitàpopolare contro ogni sistema di oligarchia e di dittatura; il dovere della resistenza all’oppressione ed all’arbitrio d’ogni regime che neghi questi principî.Ispirata ai principi democratici liberali teorizzati dal pensatore Thomas Paine ne “I diritti dell’uomo” (1791) ed al pensiero laico sviluppatosi tra XVIII e XIX secolo ed in particolare alle opere di Giuseppe Mazzini e di Aurelio Saffi, nonché ai principi della Costituzione degli Stati Uniti d’America del 1787, alla Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789, alla Costituzione della Repubblica Napoletana del 1799, la LIDU è da sempre impegnata nella promozione e tutela dei diritti umani.

L’organizzazione della Lega ha avuto particolare impulso durante la presidenza di Ernesto Nathan, politico di formazione e cultura cosmopolita, primo sindaco laico di Roma (dal 1907 al 1913). Grazie ad una visione più internazionale del tema dei diritti umani, nel 1922 la LIDU è stata una delle associazioni fondatrici della Federazione internazionale dei diritti umani (Fédération Internationale des ligues des droits de l’Homme, FIDH), costituita a Parigi. Durante il periodo fascista la Lega, non potendo svolgere libera attività in Italia è stata prevalentemente attiva a Parigi, dove erano anche in esilio alcuni dei suoi dirigenti, tra i quali Pietro Nenni, Giuseppe Saragat, Claudio Treves, Cipriano Facchinetti, Luigi Campolonghi, Ferdinando Bosso e Alceste De Ambris. Celebre è anche l’antifascista forlivese Decio Anzani, segretario della sezione londinese della Lega, il quale morì nel naufragio della Arandora Star (1940).Dirigente della LIDU sezione di Carrara fu l’eroe partigiano libertario Alberto Meschi. Alla fine dalla seconda guerra mondiale, con le nuove istituzioni repubblicane, la LIDUha ripreso ad operare in Italia anche grazie all’impegno attivo di intellettuali quali Gamberini, Bauer, Motzo, ed in anni più recenti Ungari, Bandiera, Arpaia. ed attualmente Eugenio Ficorilli.

Oggi la LIDU è giuridicamente una Onlus con comitati operanti in numerose regioni e città. Del comitato di Caserta fanno parte, tra gli altri, oltre a Vairo e Iacone, Gabriella Montanaro, Pietro Pettrone e Gianluca Parente.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *