“O SIA MEMORIE ISTORICHE ANTICHISSIMA CITTÀ DI CALVI” DELL’ABATE MATTIA ZONA

anticalvicopertina

L’opera “L’Antica Calvi o sia Memorie Storiche intorno all’antichissima Città di Calvi” con note filologiche e mitologiche dell’abate Mattia Zona scritta nel 1790 è un punto di riferimento per tutti gli appassionati di archeologia della città dell’antica Cales, le cui rovine si trovano oggi nei comuni di Calvi Risorta, Pignataro Maggiore, Giano Vetusto e Sparanise. Nello studio delle antichità, spiega l’abate Zona nel suo libro, due sono le chiavi di lettura da seguire: le storie e le iscrizioni. Le storie superstiti che raccontano i fatti come sono avvenuti e le iscrizioni che li autenticano e spesso li illustrano. In mancanza di storie, lo storico non ha che a disposizione le iscrizioni, i documenti materiali che l’abate Zona si è sforzato pedantemente di interpretare e almeno in questo, in questa sua ricerca di verità, non gli si può negare la grandezza. Il libro è un’occasione per parlare di Calvi e della Campania Felix, quella che un tempo era considerata la più ricca e civile regione d’Italia. Una città quella di Cales definita da Silio Italico “Civitas Magna” , da Strabone “Urbs Egregia” e che vanta una fondazione che precede quella di Roma.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *