PARROCCHIA N.S. DI LOURDES STRACOLMA DI FEDELI PER LA FESTA PATRONALE

NS 4

NS 6

Parrocchia N.S. di Lourdes

CASERTA

 

PARROCCHIA N.S. DI LOURDES

STRACOLMA DI FEDELI PER LA FESTA PATRONALE

Massiccia partecipazione alla S. Messa solenne presieduta dal Vescovo Mons. Giovanni D’Alise in occasione della celebrazione della giornata mondiale del malato per la festa patronale presso la Parrocchia N.S. di Lourdes. Al solenne rito con il Vescovo D’Alise coadiuvato dal parroco don Pietro Pepe hanno concelebrato don Biagio Saiano, don Stefano Sgueglia e don Nicola Buffolano con i diaconi don Luigi Capasso, don Alessandro D’Angelo e don Manlio Maglio. Nell’omelia il Vescovo ha messo in risalto le sofferenze del mondo in particolare di quello degli ammalati, ricollegandosi al Vangelo di Marco, dove un lebbroso chiede a Gesù di guarirlo, precisando che noi siamo invitati ad avvicinarci a Gesù, consapevoli d’essere anche noi affetti da quella lebbra dello spirito che è il peccato e dobbiamo chiedere a Gesù di guarirci, cioè darci il perdono e la grazia della sincera conversione. Successivamente mons. D’Alise ha messo in risalto la sofferenza di molte persone che oggi Papa Francesco definisce “gli scarti” ovvero gli emarginati dalla società, cioè coloro che non hanno “peso” nel mondo, invitando tutti a pregare il Signore per intercessione della Vergine di Lourdes al fine di suscitare nei cristiani un atteggiamento da buon samaritano e di non estraniarsi dalle sofferenze ma di avvicinare come Gesù il lebbroso. Nel concludere la celebrazione mons. D’Alise ha auspicato di rivivere in tutti la spiritualità di Lourdes in questa parrocchia. Per l’UNITALSI è intervenuto il componente del direttivo Arturo Cerreto che ha ringraziato tutti i componenti per come la loro esperienza non si limiti al solo fattore fisico, ma come l’esperienza è un patrimonio unico di fede ed amore. Il vescovo D’Alise infine ha ringraziato il parroco don Pietro che con tutti i diaconi i collaboratori, l’Azione Cattolica e gli Scout ha organizzato in maniera egregia la festa patronale che si è conclusa tra le varie iniziative con un agape fraterna che ha visto coinvolta l’intera comunità gustando una succulenta pasta e fagioli preparata con grande professionalità dal gruppo scout.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *