PARTITA LA MACCHINA ORGANIZZATIVA DELLA VII MARATONA DEL MATESANNIO

matesannio 2

Partita la macchina organizzativa della VII Maratona del Matesannio, la gran fondo di ciclismo in programma domenica 30 giugno 2019 all’interno del Parco del Matese, quale tappa nazionale del campionato della Federazione Ciclistica Italiana, oltre che gara ufficiale del Circuito Scudetto Campano 2019 nonché prova master del Campionato Regionale FCI.

Promossa dall’omonima associazione Asd Maratona del Matesannio guidata dal presidente Claudio Melillo, la gran fondo dallo scorso anno è stata inserita anche nel Circuito del Centro Italia Tour che raccoglie le più belle manifestazioni amatoriali del panorama ciclistico del Centro Sud Italia.

Confermati i due percorsi previsti, come da tradizione, all’interno dell’impegnativa Maratona che toccherà ben 15 comuni e due province, quella casertana e quella del vicino beneventano: il primo medio fondo di 84 km che lo scorso anno ha visto trionfare Pasquale Papale del Team Cesaro Falasca in due ore, ventisei minuti e 32 secondi; il secondo gran fondo più lungo di 112,50 km, vinto la scorsa edizione da Federico Colone della Asd Roccasecca Bike in due ore, cinquantotto minuti e 49 secondi.

I concorrenti in gara avrà la possibilità di optare per l’uno o per l’altro percorso, secondo le forze fisiche a disposizione, lungo la gran fondo una volta giunti all’altezza della diramazione di Cerreto Sannita scelta quale spartiacque tra il medio ed il lungo percorso, con entrambi che passeranno per Bocca della Selva, punto più alto della corsa ciclistica, ad un’altitudine di 1409 metri.

Regolamento, modalità di iscrizione, altimetrie dei percorsi ed ogni altra utile info saranno reperibili, già nei prossimi giorni, sul profilo FB e sul sito internet della manifestazione: https://www.facebook.com/matesannio/

Gioia Sannitica, 20/02/2019

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *