Roma -Primo convegno nazionale dell’associazione AIBeL – Associazione Italiana Benessere e Lavoro

 

Primo convegno nazionale dell’associazione AIBeL – Associazione Italiana Benessere e Lavoro –  riguardante il benessere lavorativo sul  tema  “IL DISAGIO PSICHICO NEL LAVORO CHE CAMBIA”, lunedì 29 ottobre 2012 presso la Camera dei Deputati,  SALA DELLE COLONNE  via Poli 19. L’eventuale partecipazione, indispensabile in quanto per motivi di sicurezza la Camera chiede i nominativi dei partecipanti con grande anticipo, va comunicata a breve a:   Fernando Cecchini, Sportello Nazionale Mobbing Inas-Cisl C/O Inas-Cisl Sede Centrale, Viale Regina Margherita, 83/D 00198 Roma – 06/8443364 Fx 06/8547856 Cell 330967012 – mobbing@inas.it   mobbing@cisl .

L’AIBeL, come scritto nello statuto, “ha lo scopo di promuovere il benessere psicosociale e di prevenire, intervenire e contrastare ogni forma di disagio psico-fisico nei luoghi di lavoro alla luce del concetto di salute così come è stato definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, non solamente inteso come assenza di malattia, ma quale stato di equilibrio psico-fisico, sociale dinamicamente inteso dall’individuo nell’ambiente che lo circonda. L’associazione AIBeL favorisce la ricerca, la formazione e la collaborazione tra le diverse competenze professionali, si propone in particolare di realizzare programmi di prevenzione e miglioramento delle relazioni lavorative e sociali attraverso progetti formativi, attività di assistenza, di consulenza e di mediazione. L’Associazione AIBeL, sempre nell’ambito delle diverse professionalità, offre inoltre attività di sostegno ed assistenza nel campo della prevenzione della salute con riferimento anche alle figure indicate nel D.lgs. n° 81/08 ed in genere nelle normative sulla promozione del benessere lavorativo centrate sulla tutela della salute dei lavoratori”

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *