SAN NICOLA LA STRADA -Delli Paoli revoca le cure termali per mancanza di cittadini, a fronte di 200 posti solo 14 hanno aderito

 Lunedì prossimo 11 luglio, per dodici giorni consecutivi, duecento cittadini sannicolesi avrebbero potuto fruire delle cure termali a Castellammare di Stabia, organizzate dall’Amministrazione cittadina, pagando solo il ticket  sanitario, mentre chi è esentato non avrebbe pagato nemmeno quello. Il trasferimento in bus presso lo stabilimento termale sarebbe dovuto avvenire gratuitamente, con partenza alle 7,30 del mattino. L’iniziativa purtroppo è naufragata, solo 14 persone hanno aderito all’iniziativa attuata dall’Amministrazione Comunale, tramite l’Ufficio dei Servizi Sociali. Il trasporto in bus a Castellammare di Stabia sarebbe stato a carico dello stabilimento termale per un minimo di 40 persone, ma vista la scarsa partecipazione l’iniziativa è stata revocata. Il sindaco pensa di riproporla a settembre, sempre che vi siano più di 40 adesioni. “Abbiamo aderito alla proposta dello stabilimento termale stabiese perché più conveniente per le tasche di tutti”  – ha spiegato Delli Paoli – “Gli anni passati, per trasferire i nostri anziani alle terme di Telese, si pagavano per il bus 172 euro al giorno oltre Iva, in pratica 2.472,00 euro per dodici giorni, soldi a carico dell’amministrazione comunale e degli stessi cittadini che partecipavano alle spese. Inoltre per effettuare le cure presso lo stabilimento termale, era prevista la cifra di 30 euro a persona oltre il ticket. Abbiamo scelto la soluzione più vantaggiosa sia per l’Amministrazione Comunale che per i cittadini, risparmiando e facendo risparmiare soldi ai nostri concittadini anziani. Credo che la nostra iniziativa non sia stata capita, spero adesso di aver fatto chiarezza sui costi – ripeto solo il ticket da chi dovuto –  e sui vantaggi ovvero trasporto gratuito”.

 

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *