SANTA MESSA DOMENICA 5 AGOSTO

Domenica 5 Agosto 2018         
Dedic. Bas. S. Maria Maggiore II sett.
18.a di Tempo Ordinario
Es 16, 2-4.12-15; Sal 77; Ef 4.17.20-24; Gv 6,24-35
Donaci, Signore, il pane del Cielo.

PREGHIERA DEL MATTINO 
Signore Gesù Cristo, tu hai detto: “Chi crede in me non avrà più fame né sete:”. Ogni giorno, io mi impegno di nuovo sulla via che porta alla verità e alla vita, piena di senso e di pienezza. Tu mi hai offerto la grazia della fede, mi hai permesso di capire che tu sei l’inviato di Dio, la guida che porta alla verità e alla vita. E io voglio cominciare questo giorno con la forza della speranza che porta la fede. Accompagnami con la tua bontà e la tua fedeltà. Fa’ che molti uomini riconoscano che solo attraverso di te si accede alla verità della vita, e quindi a Dio.

ANTIFONA D’INGRESSO 
O Dio vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. Sei tu il mio soccorso, la mia salvezza: Signore, non tardare. (Sal 70,2.6)

COLLETTA 
Mostraci la tua continua benevolenza, o Padre, e assisti il tuo popolo, che ti riconosce suo pastore e guida; rinnova l’opera della tua creazione e custodisci ciò che hai rinnovato. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo…

PRIMA LETTURA  
Io farò piovere pane dal cielo per voi. 
Dal libro dell’Esodo 16,2-4.12-15
In quei giorni, nel deserto tutta la comunità degli Israeliti mormorò contro Mosè e contro Aronne. Gli Israeliti dissero loro: «Fossimo morti per mano del Signore nella terra d’Egitto, quando eravamo seduti presso la pentola della carne, mangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatto uscire in questo deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine». Allora il Signore disse a Mosè: «Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo uscirà a raccoglierne ogni giorno la razione di un giorno, perché io lo metta alla prova, per vedere se cammina o no secondo la mia legge. Ho inteso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: “Al tramonto mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; saprete che io sono il Signore, vostro Dio”». La sera le quaglie salirono e coprirono l’accampamento; al mattino c’era uno strato di rugiada intorno all’accampamento. Quando lo strato di rugiada svanì, ecco, sulla superficie del deserto c’era una cosa fine e granulosa, minuta come è la brina sulla terra. Gli Israeliti la videro e si dissero l’un l’altro: «Che cos’è?», perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro: «È il pane che il Signore vi ha dato in cibo».
Parola di Dio. 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 77) 
R. Donaci, Signore, il pane del cielo.
Ciò che abbiamo udito e conosciuto
e i nostri padri ci hanno raccontato,
non lo terremo nascosto ai nostri figli,
raccontando alla generazione futura
le azioni gloriose e potenti del Signore
e le meraviglie che egli ha compiuto. R.
Diede ordine alle nubi dall’alto
e aprì le porte del cielo;
fece piovere su di loro la manna per cibo
e diede loro pane del cielo. R.
L’uomo mangiò il pane dei forti;
diede loro cibo in abbondanza.
Li fece entrare nei confini del suo santuario,
questo monte che la sua destra si è acquistato. R.

SECONDA LETTURA  
Rivestite l’uomo nuovo, creato secondo Dio. 
Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesini 4,17.20-24
Fratelli, vi dico e vi scongiuro nel Signore: non comportatevi più come i pagani con i loro vani pensieri. Voi non così avete imparato a conoscere il Cristo, se davvero gli avete dato ascolto e se in lui siete stati istruiti, secondo la verità che è in Gesù, ad abbandonare, con la sua condotta di prima, l’uomo vecchio che si corrompe seguendo le passioni ingannevoli, a rinnovarvi nello spirito della vostra mente e a rivestire l’uomo nuovo, creato secondo Dio nella giustizia e nella vera santità.
Parola di Dio. 

CANTO AL VANGELO (Mt 4,4) 
R. Alleluia, alleluia.
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
R. Alleluia.

VANGELO  
Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! 
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,24-35
In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?». Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo». Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato». Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: Diede loro da mangiare un pane dal cielo». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».
Parola del Signore. 

OMELIA 
Continua il discorso eucaristico del Capitolo sesto del Vangelo di San Giovanni. Il Maestro introduce i suoi discepoli nel mistero eucaristico a tappe. Ha iniziato questa sezione con il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Ora esorta i discepoli a leggere in profondità questo evento e non fermarsi solo sul risultato immediato dello sfamare migliaia di persone. Inizia quindi il suo insegnamento a partire dall’Antico Testamento e leggerlo alla luce della Verità che Egli stesso proclama. La Liturgia della Parola inizia con una lettura biblica tratta dall’Antico testamento. E’ la consapevolezza che senza di esso anche per noi è difficile comprendere in pieno il messaggio di salvezza portato da Cristo. Noi, che accogliamo la completezza della Rivelazione di Dio, nell’Antico e Nuovo Testamento, possiamo comprendere appieno i misteri che Cristo ci rivela. L’esortazione di oggi è, nel considerare l’episodio della manna dell’Esodo una prefigurazione del mistero Eucaristico e quindi nella necessità del sostentamento. Gesù parla del sostentamento e del cibo ma di altra natura. Lui è il nostro cibo, lui dobbiamo mangiare. La sua parola, il suo corpo e il suo sangue devono essere il nostro pane quotidiano. Anche il Santo Padre ci esorta spesso a leggere di più la Bibbia, a meditare la Parola di Dio, ad adorare il Santissimo Sacramento dell’altare, ad accostarci alla comunione eucaristica… Quanto tempo dedico alla lettura della Bibbia…? O forse, ahimè, quando, l’ultima volta, ho avuto la Bibbia in mano? Eppure questo è il nostro cibo spirituale, senza il quale la nostra anima non può vivere…
(Padri Silvestrini)

PREGHIERA SULLE OFFERTE 
Santifica, o Dio, i doni che ti presentiamo e trasforma in offerta perenne tutta la nostra vita in unione alla vittima spirituale, il tuo servo Gesù, unico sacrificio a te gradito. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE

Ci hai mandato, Signore, un pane dal cielo, un pane che porta in sè ogni dolcezza e soddisfa ogni desiderio.
PREGHIERA DOPO LA COMUNIONE 
Accompagna con la tua continua protezione, Signore, il popolo che hai nutrito con il pane del cielo, e rendilo degno dell’eredità eterna. Per Cristo nostro Signore.

MEDITAZIONE 
Per mezzo dei discorsi di Gesù nella sinagoga di Cafarnao (Gv 6,26-58), l’evangelista rivela alla fine del primo secolo dell’era cristiana la verità “del segno” della manna distribuita al popolo di Dio nel deserto (Gv 6,1-14). Si tratta più precisamente dell’importanza di Gesù Cristo per i credenti della Chiesa. Il passo di (Gv 6,26-35) rivela innanzitutto che la fede in Gesù Cristo, inviato e portavoce di Dio, permette di partecipare alla verità e alla pienezza di Dio: colui che crede in Gesù non avrà mai più fame né sete della vera vita. Gesù dice che la comunità che si crea con lui nella fede durerà oltre la morte (Gv 6,36-40). “Questa infatti è la volontà del Padre mio, che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna”. Poi egli rivela il senso profondo ed eucaristico del pane di vita (Gv 6,51-58). I doni dell’Eucaristia instaurano, per colui che li riceve con fede, una vita comune con il Signore risuscitato. La comunità sacramentale con Gesù Cristo offre di per se stessa una relazione di amore vivo con il Signore risorto. Ed essa non è rimessa in causa con la morte, ma acquisisce al contrario pienezza e perfezione. Avere la fede, ascoltare la parola e ricevere i doni eucaristici: per noi cristiani, questi tre modi di vita comune con Gesù Cristo sono importanti e si completano.
OTTO BERNHARD KNOCH

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *