Sciopero dei farmacisti, Amente: rischio crisi occupazionale

AMENTE ON_ MAFALDA

Il consigliere regionale del Pdl: ”La manovra del Governo danneggia la categoria.

In 2 settimane già 34 licenziamenti e decine di contratti passati da full time a part time”

NAPOLI – ”Sono vicina a chi in questo momento ha deciso di esprimere la propria insoddisfazione per una manovra governativa che colpisce una categoria troppo tartassata”. Così il consigliere regionale del Popolo della Libertà ha commentato l’iniziativa di Federfarma Napoli di intraprendere lo sciopero della fame a oltranza contro i nuovi provvedimenti del governo Monti che da giovedì 19 giungo 2012 vede protagonisti il presidente Michele Di Iorio ed il presidente dell’ordine dei Farmacisti Vincenzo Santagada.
“Mi impegnerò al massimo per far sentire la vicinanza delle istituzioni a Federfarma ed all’Ordine dei Farmacisti – ha dichiarato Amente – La nuova tassa imposta dal governo Monti potrebbe mettere in seria crisi le attività, creando danni occupazionali. Non bisogna essere miopi davanti ai 34 licenziamenti registratisi in poco più di due settimane dall’annuncio della manovra di Governo. Con ogni probabilità gran parte delle farmacie saranno costrette a rivedere la propria pianta organica, con licenziamenti e diminuzione delle ore di lavoro dei dipendenti”.

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *