STATO MAGGIORE DELLA DIFESA-La Difesa in mare per salvare vite umane.

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

UFFICIO GENERALE DEL CAPO DI STATO MAGGIORE

Ufficio Pubblica Informazione

 

Roma, 9 luglio 2013

La Difesa in mare per salvare vite umane.

Proprio nel giorno successivo a quello in cui Sua Santità Papa Francesco ha evidenziato il dramma dei migranti scomparsi in mare nel corso della “traversata della speranza”, si è conclusa positivamente la vicenda di un natante in difficoltà localizzato da un elicottero AB212 di Nave Cigala Fulgosi della Marina Militare.

A bordo 31 migranti, tra essi quattro donne di cui due in stato interessante che sono state trasbordate a bordo dell’Unità della Marina Militare, giunta alla massima velocità per prestare soccorso.

Un lavoro immane e silenzioso, non scevro da difficoltà e rischi, quello svolto dagli uomini e donne della Marina Militare che nello stretto di Sicilia, per il tramite dei suoi bracci operativi, la Squadra Navale e la Guardia Costiera, negli ultimi 10 anni ha effettuato oltre 70.000 interventi di salvataggio a favore di chi si trovava in grave rischio e pericolo di vita in mare. Operazioni di salvataggio condotte anche in sinergia con i mezzi della Guardia di Finanza, che hanno consentito di trarre in salvo circa 145.000 migranti, tra cui numerose donne e bambini,nell’ambito delle attività istituzionali di presenza e sorveglianza dei mari di interesse.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *