+ VANGELO (Gv 1,47-51)

vangelo-1

Venerdì 29 settembre 2017

XXV Settimana del Tempo Ordinario

 

 

Santi Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele

 

 

+ VANGELO (Gv 1,47-51)

Vedrete il Cielo aperto e gli Angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’Uomo.

 

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, Io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, Tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!». Poi gli disse: «In verità, in verità Io vi dico: vedrete il Cielo aperto e gli Angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’Uomo». Parola del Signore

 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Più che scavare ancora in questo meraviglioso dialogo tra Gesù e il futuro Apostolo Bartolomeo, vado direttamente a presentare l’opera a nostro favore dei meravigliosi Arcangeli, i nostri irriducibili protettori e potenti esecutori dei comandi di Dio.

San Michele sappiamo bene che è il terrore dei diavoli, esercita un ruolo straordinario nella lotta contro i diavoli, io me ne accorgo ogni giorno quando Lo invoco con le preghiere di liberazione per coloro che sono disturbati.

Su ogni persona che mi chiede preghiere di liberazione, invoco anche San Michele ed è sufficiente invocarlo per veder fuggire disperatamente i diavoli. La liberazione non avviene con poche preghiere, c’è un cammino da compiere e la persona disturbata deve collaborare con impegno, altrimenti smorza l’efficacia delle preghiere di liberazione.

Voi stessi cominciate a pregare con fiducia questo Principe dell’esercito angelico, mettendovi sotto la sua protezione con la consacrazione a Lui da recitare ogni giorno. Mettete la vostra famiglia, i familiari, il lavoro, quanto è importante sotto la sua protezione e ripetetegli di aiutarvi.

C’è una preghiera breve e potentissima che fino agli anni ’60 si recitava al termine della Santa Messa. Poi, per la gioia dei diavoli si decise di eliminarla, fatto incredibile e autolesionistico, ma si sa, quando a decidere sulla liturgia sono massoni o apostati nel cuore, le decisioni sono sempre contro Gesù Cristo.

A quel tempo si era all’inizio dell’attacco folle e incontenibile dei modernisti che vogliono manipolare la nostra sana dottrina, sostituendola con quella protestante e oggi siamo arrivati quasi alla fase finale del piano iniziato oltre mezzo secolo fa. Sotto gli occhi di tutti avvengono opere opposte al Vangelo che si consumano senza più preoccuparsi del peccato ed è grave questa situazione spirituale dei Ministri di Dio.

Con la mancanza dello Spirito Santo, abbandonato per le preferenze opposte alla Grazia di Dio, le scelte compiute sono sempre umane e i consigli che si rilasciano ai fedeli sono pieni di noia e molto spesso manifestano un disinteresse che i credenti percepiscono con immenso dolore.

Sono stati esperti nel cancellare nell’insegnamento teologico l’Angelologia, non se ne parla quasi mai nelle omelie e non si invitano a credere nel proprio Angelo Custode. Solo quei Sacerdoti innamorati di Gesù e docili strumenti nelle sue mani, spingono i credenti a rivolgersi agli Angeli, soprattutto a pregare il potentissimo San Michele Arcangelo.

Qui nella Casa di Preghiera, nella piazza principale dopo l’ingresso, sette anni fa ho fatto costruire una bellissima struttura di pietra e in alto è stata posta la statua del nostro amatissimo San Michele. Accoglie tutte le persone e tiene lontane le potenze negative che vogliono sempre arrecare disturbi.

La mancata devozione agli Angeli Custodi è un danno immenso, come una sciagura che il cristiano si attira addosso, si priva dell’aiuto potente di quanti hanno ricevuto l’incarico di proteggerci dai diavoli e dai pericoli. Invocateli molte volte nella giornata, amateli più dei vostri familiari perché Loro vi trasmettono maggiore amore anche per amare bene i vostri familiari.

Chiedete insistentemente a San Michele Arcangelo la sua protezione, la Luce per vedere anche nelle tenebre, il coraggio per difendere Gesù Cristo e la sua Santa Chiesa. Questa Chiesa è di Gesù e nessuno La potrà mai distruggere, neanche l’immensa aggregazione dei più farabutti del mondo.

Consacratevi a San Michele Arcangelo ogni mattina, chiamatelo spesso, soprattutto quando le tentazioni vi scuotono e barcollate!

 

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *