+ VANGELO (Gv 15,1-8)

Vangelo

Martedì 23 luglio 2019

XVI Settimana del Tempo Ordinario

Santa Brigida di Svezia

+ VANGELO (Gv 15,1-8)

Chi rimane in Me e Io in lui porta molto frutto.

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in Me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in Me e Io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in Me, e Io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in Me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in Me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Una grande lezione di spiritualità oggi ce la offre Santa Brigida, da molti conosciuta per le famose Orazioni rivelate a Lei da Gesù, una preghiera molto efficace e prolungata, apportatrice di Grazie e benefici straordinari.

Santa Brigida è stata una moglie e madre, ha conosciuto tutti gli stati della vita sia per la provenienza aristocratica sia per la sua dedizione ai poveri. Da autentica ricca di beni materiali scoprì che la vera ricchezza è quella spirituale e la dona solamente Gesù Cristo.

Santa Brigida nacque a Finsta (Svezia) nel 1303 e morì a Roma il 23 luglio 1373, dopo avere trascorso una vita intensa e ricolma di amore verso tutti. Proveniva da una famiglia aristocratica e la prima parte della sua vita fu quella di una laica felicemente sposata: dal suo matrimonio nacquero 8 figli, la secondogenita fu Caterina, anche lei canonizzata per la santità di vita.

Viene presentata come anima contemplativa e operativa, oltre ad essere stata moglie e madre di figli, divenne religiosa e poi fondatrice dell’Ordine del Santissimo Salvatore. Solo dopo 18 anni dalla morte, fu proclamata Santa da Papa Bonifacio IX.

Il 1º ottobre 1999 Papa Giovanni Paolo II l’ha dichiarata compatrona d’Europa insieme a Santa Caterina da Siena e Santa Teresa Benedetta della Croce.

Brigida rimase vedova nel 1344, a 41 anni.

Oltre a vivere quello che oggi ci spiega il Vangelo, proprio perché rimase in comunione con Gesù senza pensare alle vanità del mondo.

Brigida donò con il marito moltissimi beni per aiutare le opere della Chiesa, per diffondere la sana devozione verso il Signore e la Madonna. Oggi è un po’ difficile trovare cattolici preoccupati di contribuire per la conservazione delle strutture sacre e la costruzione di nuovi luoghi di preghiera.

La premura per sostenere i luoghi sacri con donazioni, è presente nei cuori buoni e distaccati dai beni materiali. La buona spiritualità nel cattolico si riconosce anche dal suo interesse e dalle donazioni ai luoghi di preghiera, i suoi aiuti donati alle Comunità dove si prega regolarmente, anche per ricevere di conseguenza grandi aiuti spirituali.

Amare veramente Gesù e la Vergine Maria significa possedere l’immenso desiderio di farli conoscere nel mondo e questo viene facilitato dai luoghi dove si adora l’Eucaristia, dove si intercede costantemente per il bene di tutti.

L’Opera che stiamo realizzando qui dove vivo è molto importante anche per l’adorazione eucaristica che si farà tutti i giorni e che permetterà di aiutare tutti quelli che chiedono preghiere, quanti si trovano nella sofferenza per malattie dolorose o per le negatività demoniache.

Gesù ci ripete nel Vangelo di chiedere ripetutamente a Lui quanto necessita, ma non sempre si ottiene a causa dei peccati e di una preghiera inadeguata.

Questo Centro di Preghiera ha bisogno di voi, i lavori proseguono e occorrono tante offerte per andare avanti. Imitate Santa Brigida compiendo un atto di Fede, consapevoli che Gesù vi donerà 100 volte tanto.

Per aiutarci occorre entrare nel nostro sito: http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Santa Brigida ha mostrato il vero amore verso i più poveri, agiva nel silenzio contemplativo, con una dedizione amorevole e premurosa.

Nonostante il benessere del suo ceto sociale, Brigida, insieme al marito, il nobile Ulf Gudmarsson, studiò la Sacra Scrittura, fondò un piccolo ospedale e assistette i poveri, senza suonare trombe né sbandierare in pubblico per ricevere applausi e il distintivo di caritatevole.

Brigida e il marito divennero terziari francescani, poi con la morte del marito iniziò a viaggiare verso nuove missioni, per visitare luoghi sacri soprattutto dove si trovavano reliquie di Santi, e il Santuario di San Michele Arcangelo sulGargano. Visitò la Terrasanta per conoscere i luoghi in cui predicò Gesù.

L’intensa vita spirituale la elevarono misticamente e Gesù si mostrò a Lei, rivelandole le famose Orazioni e le 21 promesse a condizione che recitasse le 15 orazioni tutti i giorni per un anno intero. Le stesse 21 promesse erano valide per chiunque altro avesse recitato il Rosario brigidino devotamente tutti i giorni per un anno, meditando i misteri della Passione.

Queste le 21 promesse:

«Libererò 15 anime della sua parentela, dal Purgatorio.

15 giusti della sua stessa parentela saranno confermati e conservati in Grazia

e 15 peccatori della stessa stirpe si convertiranno.

La persona che pregherà queste Orazioni raggiungerà il primo grado di perfezione.

15 giorni prima della sua morte, riceverà il mio prezioso Corpo in modo che sarà liberata dalla fame eterna, e le darò il mio prezioso Sangue da bere perché non abbia sete eternamente.

15 giorni prima di morire, avrà una perfetta conoscenza di tutti i suoi peccati e ne proverà un pentimento profondo.

Metterò il segno della mia Croce vittoriosa davanti a lei per soccorrerla e difenderla contro gli attacchi dei suoi nemici.

Prima della sua morte, io verrò con la mia amatissima e cara Madre.

Riceverò benignamente la sua anima e la condurrò alle gioie eterne.

Conducendola fino là, le darò con singolare tratto di bere dalla fonte della mia Deità, cosa che non farò a quelli che non avranno recitato queste Orazioni.

Perdonerò tutti i peccati a chiunque è vissuto per 30 anni in peccato mortale se dirà devotamente queste Orazioni.

La difenderò dalle tentazioni.

Le conserverò i suoi 5 sensi.

La preserverò dalla morte improvvisa.

Salverò la sua anima dalle pene eterne.

Se avesse vissuto sempre secondo la sua volontà e avesse dovuto morire domani, la sua vita si prolungherà.

La persona che reciterà queste Orazioni, otterrà tutto quello che domanderà a Dio e alla Santa Vergine Maria.

Tutte le volte che reciterà queste Orazioni otterrà 100 giorni di indulgenza.

Sarà sicuro di essere aggiunta al coro degli Angeli.

Chi insegnerà queste Orazioni ad un altro, avrà gioia e merito senza fine, che saranno stabili sulla terra e dureranno eternamente.

Dove sono e saranno dette queste Orazioni, Dio è presente con la sua Grazia».

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *