VANGELO (Mc 4,1-20)

Gesù che parla alla genteMercoledì 29 gennaio 2014

3ª Settimana del Tempo Ordinario
 
+ Il seminatore uscì a seminare.
 
+ Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù cominciò di nuovo a insegnare lungo il mare. Si riunì attorno a lui una folla enorme, tanto che egli, salito su una barca, si mise a sedere stando in mare, mentre tutta la folla era a terra lungo la riva. Insegnava loro molte cose con parabole e diceva loro nel suo insegnamento: «Ascoltate. Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; e subito germogliò perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde tra i rovi, e i rovi crebbero, la soffocarono e non diede frutto. Altre parti caddero sul terreno buono e diedero frutto: spuntarono, crebbero e resero il trenta, il sessanta, il cento per uno». E diceva: «Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti!». Quando poi furono da soli, quelli che erano intorno a lui insieme ai Dodici lo interrogavano sulle parabole. Ed egli diceva loro: «A voi è stato dato il mistero del regno di Dio; per quelli che sono fuori invece tutto avviene in parabole, affinché guardino, sì, ma non vedano, ascoltino, sì, ma non comprendano, perché non si convertano e venga loro perdonato». E disse loro: «Non capite questa parabola, e come potrete comprendere tutte le parabole? Il seminatore semina la Parola. Quelli lungo la strada sono coloro nei quali viene seminata la Parola, ma, quando l’ascoltano, subito viene satana e porta via la Parola seminata in loro. Quelli seminati sul terreno sassoso sono coloro che, quando ascoltano la Parola, subito l’accolgono con gioia, ma non hanno radice in se stessi, sono incostanti e quindi, al sopraggiungere di qualche tribolazione o persecuzione a causa della Parola, subito vengono meno. Altri sono quelli seminati tra i rovi: questi sono coloro che hanno ascoltato la Parola, ma sopraggiungono le preoccupazioni del mondo e la seduzione della ricchezza e tutte le altre passioni, soffocano la Parola e questa rimane senza frutto. Altri ancora sono quelli seminati sul terreno buono: sono coloro che ascoltano la Parola, l’accolgono e portano frutto: il trenta, il sessanta, il cento per uno». Parola del Signore
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Nell’apostolato ci vuole pazienza, le anime come il miglior vino migliorano col tempo. Il Vangelo oggi ci parla della semina e del raccolto, ogni cristiano è chiamato a seminare la Parola di Dio, chiamato a collaborare al progetto che Lui ha disegnato nell’anima di ognuno di noi. Ma la mentalità pragmatica di oggi non contempla più la ricerca di Dio nè l’aspetto spirituale della vita se non il ricorso alle inutili pratiche orientali.
In passato abbiamo considerato l’incredibile pratica dello yoga nei monasteri, conventi e comunità religiose. Arrivare a questa pratica significa essere caduti alla fine della discesa verso il basso, non si può spiegare diversamente quando lo yoga viene praticato ed insegnato da Sacerdoti, monaci, frati e suore.
I cristiani autentici non hanno bisogno di seguire altre spiritualità perchè hanno il Vangelo, il quale indica anche la contemplazione come punto di contatto con Dio e mezzo importante di quiete e riposo interiore. Lo yoga e altre pratiche magiche non solo distaccano da Gesù, causano anche il danno spaventoso del legamento con le potenze demoniache.
La parabola di oggi ci dice che tutti noi dobbiamo formarci bene nella conoscenza della sana dottrina per compiere un cammino maturo e consapevole, senza improvvisare nè provare esaltazioni riempitive. Anche per evangelizzare i familiari, parenti, amici, colleghi, ecc. Il cristiano che vive solo per sè la propria religiosità è uno che si chiude a tutto, diventa come un’isola, staccato ed insufficiente.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...