+ VANGELO (Mc 6,53-56)

bg_vangelo

Lunedì 8 febbraio 2016
V Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mc 6,53-56)
Quanti Lo toccavano venivano salvati.

+ Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono. Scesi dalla barca, la gente subito Lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che Egli si trovasse. E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e Lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti Lo toccavano venivano salvati. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
L’attacco molto subdolo e portato avanti anche da personaggi pubblici insospettabili oltre che da individui moralmente azzerati, contro la Chiesa per la distruzione della sua morale, procede e diventa sempre più visibile, e arrivano ad organizzare spettacoli sulle reti RAI per sublimare sia le unioni civili sia il matrimonio gay.
Domani sera a Sanremo si esibirà Elton John, conosciuto come icona dei diritti gay, colui che ha contratto un matrimonio con un uomo e ha comprato due bambini da due donne che si sono prestate ad affittare l’utero e a gestire la gravidanza.
È un caso che proprio nella prima serata e mentre i cattolici autentici lottano utilizzando la preghiera e manifestazioni di dissenso, portare questo immorale in Italia e a Sanremo? Più che gli organizzatori del festival qui sono responsabili i politici, e quali politici stanno cercando con ogni mezzo di far approvare una legge che porterà la distruzione morale della società?
Non faccio politica, è molto evidente dal mio interesse prettamente spirituale, ho scritto diverse volte che il mio partito è il Vangelo storico e le mie lotte hanno come riferimento esclusivamente gli insegnamenti di Gesù Cristo. Queste Verità portate dal Signore può difenderle un politico di qualsiasi schieramento e se è pienamente coerente sono d’accordo con lui. Si può chiamare Tizio o Caio.
Oggi Tizio e Caio non sono presenti nel Parlamento italiano e non c’è nessuno pronto a sfidare gli ipocriti che lottano contro la Chiesa per non perdere i privilegi. Ci sono alcuni politici, forse meno di cinque a difendere la Chiesa ma le loro voci flebili, non riescono ad incidere più di tanto.
Hanno contro i loro segretari di Partito, quelli che di giorno si dichiarano cattolici e quando scendono le tenebre cambiano pelle!
Dal lato umano è comprensibile, poche persone non determinano la decisione disonesta di oltre 600/700 politici atei o agnostici (scettici), quindi non rimane anche ad essi che pregare. E si riduce sempre più la presenza di cattolici autentici in Parlamento, questo dovrebbe farci riflettere e chiederci se non dipende dai cittadini la presenza di personaggi in pieno contrasto con Dio. In pratica contro la nostra Fede, contro noi stessi!
In Italia sono poche le persone che votano un politico perché cattolico sincero, ci si preoccupa esclusivamente delle leggi sociali più della nostra Fede. Bisogna preoccuparsi delle due cose ma al primo posto c’è la Fede, dobbiamo verificare la coerenza cattolica del politico che si vuole votare. E in quasi tutti i Partiti ci sono cattolici convinti, pochi ma ci sono.
È opportuno votare anche un politico che si conosce poco ma cattolico coerente, piuttosto di altri dello stesso Partito o di altri Partiti che magari ci sono simpatici ma atei, inattendibili e scorretti.
Non indico alcun Partito, ognuno faccia le scelte personali, ma che siano cattolici impegnati. Del Partito che vi interessa e che volete seguire.
Non sono sorpreso della presenza di moltissimi cattolici dormienti tra gli accaniti sostenitori del ddl sulle unioni civili, politici che si dichiarano probabilmente cattolici quando ci sono le elezioni e vagano in cerca di voti…
Si recano nelle parrocchie e visitano i vescovi, elargiscono doni ai parroci e promettono lotte eroiche per difendere la Chiesa, per poi dimenticare presto le promesse perché la poltrona del potere smacchia tutto quello che allontana dal potere…
La Chiesa ha bisogno di persone pronte a lasciare la poltrona, i privilegi, il potere, il delirio di onnipotenza, per difendere i valori cristiani.
Domani sera questi politici mostreranno con un ghigno beffardo a molti milioni di italiani, comunque a tutti gli italiani, che le unioni civili e il matrimonio gay e l’adozione di bambini comprati da madri surrogate, vanno bene e non c’è nulla di male.
Con queste parole molti commettono peccati gravissimi e sono sommersi dai vizi: “Non c’è niente di male. Lo fanno molti…”.
La Chiesa insegna da duemila anni che ci sono peccati che gridano vendetta davanti a Dio, e Lui non è solo misericordia, perché quando è costretto dai peccatori criminali e immorali ad utilizzare la sua giustizia, non è una sua scelta, sono responsabili coloro che trasgrediscono la sua Legge.
Questi i quattro peccati che gridano vendetta davanti a Dio e che per ottenere misericordia bisogna essere veramente pentiti.
1- Omicidio volontario.
2- Peccato impuro contro natura.
3- Oppressione dei poveri.
4- Defraudare la giusta mercede a chi lavora.
C’è però un peccato imperdonabile e anche i politici cattolici devono temerlo. Quindi, se Gesù è la Misericordia, c’è un peccato indicato da Lui che non può essere perdonato. Lo ha detto Lui, e nessun cattolico può sensatamente affermare il contrario.
“In verità vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna” (Marco 3,28-29).
Il peccato imperdonabile è “la bestemmia contro lo Spirito Santo”.
Ma cosa significa questo? Significa opporsi all’opera dello Spirito Santo, così come facevano i farisei a cui Gesù si rivolgeva. Peccare contro lo Spirito Santo significa questo: rifiutare volontariamente fino alla fine l’opera della salvezza che Egli vuol fare nel nostro cuore.
Qualunque peccato di cui ti ravvedi e per cui chiedi sinceramente perdono al Signore, non è il peccato imperdonabile.
Il peccato imperdonabile si ha quando una persona è indurita nel cuore e non cerca più le promesse del perdono di Dio.
Quando una persona rifiuta di essere perdonata; quando volta le spalle a Dio rifiutando di ritornare a Gesù, oppure quando non cerca il perdono di Dio perché immagina che Dio approvi i suoi peccati, e continua così per il resto della sua vita.
Rifiutare l’opera dello Spirito Santo fino alla fine, è il peccato imperdonabile di cui parlava Gesù.

1 Ave Maria per Padre Giulio

NOVENA ALLA MADONNA DI LOURDES
8 febbraio

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.
Vieni Santo Spirito, riempi il cuore dei tuoi fedeli e accendi in noi il fuoco del tuo Amore.
V. Manda il tuo Spirito, Signore, e tutto sarà ricreato.
R. E rinnoverai la faccia della terra.

Preghiamo
O Spirito Paraclito, uno col Padre e il Figlio, discendi a noi benigno nell’intimo dei cuori. Voce e mente si accordino nel ritmo della lode, il tuo fuoco ci unisca in un’anima sola. O luce di sapienza, rivelaci il mistero del Dio trino ed unico, fonte d’eterno Amore. Amen.

Recitare il Credo (attentamente)
Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del Cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore Gesù Cristo unigenito Figlio di Dio nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre. Per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal Cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto Uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno è resuscitato secondo le Scritture, è salito al Cielo e siede alla destra del Padre e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre ed il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica. Professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati e aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen.

Preghiera iniziale
O Vergine Immacolata, Madre di Misericordia, salute degli infermi, rifugio dei peccatori, consolatrice degli afflitti, Tu conosci i miei bisogni, le mie sofferenze; degnati di volgere su di me uno sguardo propizio a mio sollievo e conforto.
Con l’apparire nella Grotta di Lourdes, hai voluto ch’essa divenisse un luogo privilegiato, da dove diffondere le tue Grazie, e già molti infelici vi hanno trovato il rimedio alle loro infermità spirituali e corporali.
Anch’io vengo pieno di fiducia ad implorare i tuoi materni favori; esaudisci, o tenera Madre, la mia umile preghiera, e colmato dei tuoi benefici, mi sforzerò d’imitare le tue virtù, per partecipare un giorno alla tua gloria in Paradiso. Amen.
Nostra Signora di Lourdes, prega per noi.

7° GIORNO
O Regina dei potenti, Immacolata Maria, che comparisti alla devota figlia dei Soubirous con la Corona del SS. Rosario fra le dita, fa che io stampi nel mio cuore i sacrosanti Misteri, che devono in esso meditarsi e ne ritragga tutti quei vantaggi spirituali, per i quali dal Santo Patriarca Domenico venne istituita. (chiedere la Grazia spirituale o materiale)
3 Ave Maria
Nostra Signora di Lourdes, prega per noi.
Sia benedetta la Santa ed Immacolata Concezione della Beatissima Vergine Maria, Madre di Dio.

Preghiera finale
O Vergine Immacolata, Madre nostra, che ti sei degnata di manifestarti ad una sconosciuta fanciulla, fa che noi viviamo nell’umiltà e nella semplicità dei figli di Dio, per aver parte alle tue celesti comunicazioni.
Accordaci di saper fare penitenza per i nostri sbagli passati, facci vivere con un grande orrore del peccato, e sempre più uniti alle virtù cristiane, affinché il tuo Cuore, resti aperto sopra di noi e non cessi di versare le Grazie, che fanno vivere quaggiù dell’amore divino, e rendono sempre più degni dell’eterna corona. Così sia.
Salve Regina…

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria. Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).
http://www.gesuemaria.it/perche-sostenere-il-nostro-apostolato-con-una-donazione.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito
Devo vivere ogni giorno sforzandomi di praticare l’umiltà e compiendo atti disinteressati verso familiari, colleghi e chi incontro.

Pensiero
Lotta contro quella fiacchezza che ti fa pigro e rilassato nella vita spirituale. Bada che può essere il principio della tiepidezza e come disse la Scrittura, i tiepidi Dio li vomiterà. (San Escrivà)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:
http://www.gesuemaria.it/efficace-preghiera.html

“Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente”.

Per leggere tutti gli altri commenti
http://www.gesuemaria.it/meditazioni-di-padre-giulio-maria-scozzaro-sul-vangelo-del-giorno-anno-2012.html

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *