CAPUA: PRESSO IL GIUDICE PENALE DI PACE HA ESORDITO UN NUOVO PUBBLICO MINISTERO

Prof. Raffaele Raimondo

cronista free lance

Via A.Diaz, 33

81046 GRAZZANISE (Caserta)

tel 0823-96.42.12340-500.67.64

e-mail: raffaeleraimondo1@virgilio.it                                COMUNICATO-STAMPA del 7 dicembre 2010

 

 CAPUA: PRESSO IL GIUDICE PENALE DI PACE HA ESORDITO UN NUOVO PUBBLICO MINISTERO

                                     E’ il dottor Arnaldo Gadola, tenace paladino del’equità

 

CAPUA (Raffaele Raimondo) – Presso l’Ufficio penale del Giudice di Pace dell’antica “città federiciana” già sede di Pretura, ha avviato, stamane, la sua importante funzione giudiziaria il nuovo pubblico ministero, dottor Arnaldo Gadola. Quattordici le udienze in calendario per l’odierna seduta. Rapida e brillante l’ascesa del giovane pm, già ben conosciuto per l’esercizio professionale di valente avvocato civilista e penalista presso ben due noti studi legali. Lo scenario giudiziario casertano si arricchisce così di un competente funzionario che si propone come caparbio assertore del bene che bisogna compiere nella vita e tenace paladino dell’equità. Lodevole la disponibilità del neo-pm che, in possesso dei requisiti di legge, ha accettato il delicato incarico da svolgere a tempo determinato e a titolo gratuito. Titoli e virtù umane e relazionali che tornano a suo merito e giustamente a fierezza della natìa Recale che festeggia il suo primo figlio “pubblico ministero”, cioè rappresentante dello Stato, della pubblica accusa, della tutela dei diritti sanciti dalla Costituzione e dalla complessa legislazione italiana. Al dottor Gadola la Procura della Repubblica attribuisce le deleghe sulla scorta delle incalzanti incombenze che i vari Uffici distribuiti in provincia son costrette a fronteggiare una massa enorme di procedimenti che sempre di più si accumula in un territorio “caldo” come il nostro. Infatti, egli era stato chiamato a “debuttare” venerdì 3 dicembre a Sessa Aurunca, la città di Lucilio, ma è bastato un ricorrente disguido per determinare il rinvio delle udienze. Abbiamo chiesto al nuovo pubblico ministero se questo incipiente ruolo incuta in lui un certo timore. Ha risposto con solare serenità, com’è nel suo carattere placido ma severamente determinato: “Assolutamente no! Ho la coscienza tranquilla, pulita, perchè cerco sempre di fare cose giuste, con la massima equità possibile”. Il dottor Gadola, peraltro, assume l’imparzialità a criterio irrrinunciabile, lavora con grande passione e la gratuità di questa sua nuova prestazione costituisce un talento aggiuntivo di non poco conto in un mondo in cui tutto è monetizzato. “Sono convinto che mi apprezzeranno non solo il procuratore e gli altri colleghi, ma perfino gli imputati certi del mio agire a norma di legge. Il rispetto del Codice penale, che è la mia irrinunciabile “Bibbia di riferimento”, si colloca al di sopra di ogni altro dovere”. Con queste ineccepibili intenzioni l’esordio è avvenuto nel migliore dei modi. Certo, col tempo e con l’esperienza crescente, il profilo e l’operatività del pm Gadola matureranno progressivamente e in costante ossequio al diritto, come nella fattispecie originale di ogni procedimento in cui sarà impegnato. Del resto, la sua storia personale è già ricca di successi che spaziano dallo sport al giornalismo, dalla docenza all’università del turismo alle cause penali e civili che studia con scrupolo straordinario.

Allora, se il passato è stato brillante, il presente ed il futuro del dottor Arnaldo Gadola promettono senz’altro nuovi e luminosi successi.

 

Dr.Arnaldo Gadola

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *