CASERTA -In piazza Dante iniziativa dell’Unicef “Vogliamo zero”: adotta una Pigotta

 

Chiara Mazzilli

 Sabato scorso, con inizio alle ore 18.00 in Piazza Dante, l’Unicef di Caserta, diretto dalla presidente Emilia Narcisio, ha organizzato, in collaborazione con i suoi numerosi partner, “La festa della Pigotta”. Adottando una Pigotta Unicef si è potuto contribuire alla raccolta fondi per il progetto “Vogliamo 0” con il quale, anche quest’anno, l’Unicef si propone di salvare la vita di migliaia di bambini che ancora oggi in tutto il mondo muoiono a causa di malattie curabili o malnutrizione. Alla manifestazione era presente anche il sindaco di Caserta Dott. Pio Del Gaudio, sempre sensibile alle iniziative dell’Unicef. Le allieve di I.T.E. Terra di Lavoro, dirette dal Dott. C.Aurilio, hanno effettuato un eccellente servizio di hostess durante tutta la serata dopo aver allestito gli stand per l’adozione delle Pigotte. Il servizio d’ordine della serata è stato affidato all’agenzia HIRTA, mentre l’animazione era a cura dell’agenzia Sogni e Bisogni di Caserta, entrambi partner nell’Unicef già da tempo. La manifestazione, presentata da Maria Laura D’Andrea, una dei tanti volontari Unicef, ha coinvolto i partner dell’Unicef di Caserta tra cui il III Circolo Didattico di Caserta, il I Circolo Didattico di Caserta, l’Istituto Salesiani e l’Istituto comprensivo Ruggiero che hanno eseguito canti natalizi e realizzato Pigotte; la Danzarte Centro Studi Accademici ed il cantante Antonio Di Biasio si sono esibiti a scopo benefico durante la serata. L’associazione Familyamo diretta da Teresa Moschese ha partecipato alla manifestazione raccontando favole natalizie ai bambini e coinvolgendoli ad esprimere i loro pensieri disegnando su enormi fogli di carta. Come ogni iniziativa Unicef, la serata si è svolta in un clima conviviale di amicizia e sostegno reciproco.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *