Cna Caserta. Sabato al Plaza convegno e assemblea elettiva “Il coraggio di cambiare”

Salvatore Di Vilio

Salvatore Di Vilio

Il coraggio di cambiare”: questo il tema scelto per l’assemblea quadriennale elettiva della Cna di Caserta, la Confederazione Nazionale della piccole e medie imprese dell’artigianato di Terra di Lavoro. L’appuntamento è per sabato 19 ottobre a partire dalle ore 10.

I lavori si apriranno con i saluti del presidente della Cna Salvatore Di Vilio e del segretario provinciale Francesco Geremia. Quindi, gli interventi del sindaco di Caserta Pio del Gaudio, della segretaria provinciale della Cgil Camilla Bernabei e del presidente di Confindustria Luciano Morelli. Seguiranno quelli del presidente della Camera di Commercio Tommaso De Simone, del presidente della Provincia Domenico Zinzi, dell’assessore regionale Fulvio Martusciello e del vicepresidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella. Le conclusioni saranno affidate al vicepresidente nazionale della Cna con delega al Mezzogiorno Giuseppe Montalbano.

I lavori riprenderanno nel pomeriggio alle 15 con l’assemblea e l’elezione degli organismi dell’associazione. Il presidente provinciale uscente Di Vilio sottolinea: “In un momento di crisi, di incertezze e di trasformazioni non possiamo stare fermi. Il nostro territorio martoriato da problemi malavitosi e da tanta illegalità dilagante deve attingere dalla sua cultura ultrasecolare del saper fare. La Cna di Caserta vuole stare a fianco degli artigiani per superare questo duro momento e insieme ridisegnare un futuro, avendo appunto il coraggio di cambiare, inteso anche come: fare formazione professionale qualificata, trasmettere ai giovani il patrimonio di conoscenze dei loro padri e in modo sinergico con le nuove tecnologie ipotizzare nuove idee peri fare impresa e attività artigianali. Sappiamo che ci aspetta un impegno difficile, proprio perché stiamo in un territorio che da molto tempo ha dato ampio spazio a una cultura dell’abusivismo e a un’arte di arrangiarsi senza il rispetto di alcune regole. Come presidente provinciale uscente penso che, proprio in virtù della velocità dei cambiamenti che stiamo vivendo anche come artigiani, per i prossimi quattro anni non convenga fare programmi e megaprogetti, ma puntare su pochi concetti come la solidarietà e lo stare insieme, confrontandosi di volta in volta sui problemi per superarli e trovare delle soluzioni positive e durature”.

L’Ufficio Stampa

 

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...