NEL VIVO DEI FESTEGGIAMENTI, LA RIEVOCAZIONE STORICA DELL’ASSEDIO E DELL’INCENDIO DELLA TORRE LONGOBARDA DI TORA E PICCILLI

borgo-tora-e-piccilli

LOCANDINA DELL'EVENO 1

di Daniele Palazzo

TORA E PICCILLI-Grazie all’ammirevole e concreta tipologia di lavoro, posta in essere dal tandem di soggetti sociali cittadini, vale a dire le Associazioni “Pro Loco” e “Orme”, nel caratteristico centro dell’Alto Casertano, è entrato nel vivo il programma attinente al cartellone della rievocazione storica dell’assedio e del conseguente incendio della Torre Normanna, ce beneficia del patrocinio del Comune ospitante. La medesima torre, con il castello di Tora e tutto l’insieme di vie e viuzze della cittadella fortificata, sono e si configurano come un autentico scrigno d’arte e cultura di cui andare molto fieri e da valorizzare con ogni mezzo. L’evento(quest’anno giunge all’ottava edizione), iniziato ieri pomeriggio, in frazione Tora, con una serie di ottime ed apprezzate manifestazioni, i cui curatori possono ben dire di aver svolto un lavoro degno della tradizione araldica e delle vicende storico-culturali delle loro cittadina, che trasuda storia e cultura da ogni pietra. A cominciare dalle ore 16.30, il centro storico dello splendido borgo medioevale cittadino, coinvolto quasi per intero nella manifestazione rievocativa targata “Pro Loco” e “Le Orme”, è stato fatto segno di spettacoli di tiro con l’arco, giostre, giochi cavallereschi, sfilate in costumi d’epoca e performances di musici e sbandieratori in costuni appropriati che, “insaporiti” anche dall’allestimento di numerosi stands eno-gastronomici, sui quali, venivano offerti, in degustazione gratuita, e vendita, alcuni dei prodotti più conosciuti e rinomati dell’artigianato e della cultura del vino e della gastronomia locali. La naturale e ben disarmante predisposizione all’accoglienza e all’apertura all’altro della popolazione locale, ha fatto il resto, trasformando la piccola occasione festiva torese in una signora manifestazione, in un avvenimento che, come accade da sette ani a questa parte, sta avendo una notevolissima eco di risonanza un po’ dappertutto, anche al di fuori dei ristretti confini regionali. Il clou del supereccezionale momento celebrativo proseguirà nel pomeriggio di oggi, sempre in  frazione Tora, in cui, va detto, è concentrato la maggior parte del patrimonio monumentale del luogo. Anche quest’oggi, l’apertura degli stands e delle vari manifestazioni che caratterizzano e rendono ancora più appetibile il grande momento celebrativo di cui ci occupiamo avverrà alle ore 16.00. Sostanzialmente simile a quella di ieri,  la scaletta festiva si arricchisce del Palio di San Simeone Profeta, che, consistente nel  gioco della caratteristica della popolare ed attesa competizione della cosiddetta “Ruzzola del Formaggio”(si terrà nel meraviglioso scenario della centralissima Piazza Umberto I), dell’allestimento, grazie anche a locali ed ambienti posti a disposizione dalla cittadinanza locale, di molto ben confezionate mostre su mestieri dell’epoca medioevale, accampamenti militari, artigianato e commercio d’epoca, esibizioni di arcieri, archibugieri, falconieri e giocolieri e, non potevano mancare, di giochi medioevali per bambini. Nel corso della medesima kermesse, un corteo di 150 figunti, in costumi appropriati, acccompagnerà il Signore di  Tora, coè Marino Marzano, fino all’enrata trifale e la cnsseguente presa di possesso ddel cosiddetto “Castrum Torae”. A seguire, i festeggiamenti solenni in onore dello stesso Marzano, che, tra suoni di cornamuse, esibizioni di giullari, sputa fuoco e quant’altro attinente allo spirito della manifestazione in corso d’opera, si protrarranno fino al concerto che, nella splendida cornice di piazza Castello, con inizio alle ore 20.30, terrà il gruppo musicale dei “Rota Temporis” , specializzati in arie e suoni della più schietta e genuina musica celtica, ed, ovviamente, al clou della serata, vale a dire la rappresentazione rievocativa della battaglia, dell’assedio e dell’incendio della famosissima Torre Longobarda cittadina, previsto per le ore 22.30. ma, non  finisce qui! Il giorno successivo, il magnifico viaggio nel tempo e nella memoria di Tora e Piccilli continuerà con una serie di escursioni a cavallo e visite guidate al sito paleontologico delle cosiddette “Ciampate el Diavolo”, giustamente famoso in tutto il mondo. Per quanti ne volessero sapere di più sull’argomento, info ai numeri telefonici 082392261-924227(Comune di Tora e Piccilli), 3209592183(Pro Loco di Tora e Piccilli) e 3313020113(Associazione “Le Orme”), nonché il sito e-mail  protocollo@comune.toraepiccilli.ce.it e protocollo@pec.comune.toraepiccilli.ce.it

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *