SANTA MARIA LA FOSSA POTENZIAMENTO RETE IDRICA, FINALMENTE I LAVORI.

 

20200521_164917di Peppino PASQUALINO

 

     Con provvedimento dirigenziale del Sindaco Arch. Nicolino Federico, nella sua provvisoria veste di responsabile dell’area tecnica, giorno 5 giugno sono stati definitivamente aggiudicati i lavori di “ampliamento, ristrutturazione e potenziamento della rete idrica comunale”.

     E’ proprio il caso di dire: finalmente! Eh sì, perché dopo lunghi mesi occorsi per la progettazione, soltanto nell’estate del 2018 la Giunta Municipale approvava il progetto definitivo ed esecutivo per un importo di oltre tre milioni di euro. I lavori di preparazione della gara, azione affidata alla Società Asmel Consortile a.r.l. per agire sulla piattaforma ASMECOMM, fecero slittare i tempi burocratici alla fine di febbraio dello scorso anno, data ultima per la presentazione delle domande di partecipazione da parte delle ditte specializzate nel settore. La burocrazia spesso snervante produce lungaggini che vanno soltanto a discapito delle attese popolari.

     La commissione di gara iniziò i lavori alla metà di marzo per terminarli con l’ultimo verbale datato 17 ottobre 2019, atto con cui si sceglieva la ditta ACQUA ITALIA srl di Telese Terme, classificatasi prima in graduatoria per avere presentato un ribasso del 22,626% sull’importo posto a base di gara.

Con l’atto dirigenziale del Sindaco Federico è stato determinato che l’importo contrattuale sfiora i due milioni di euro, comprensivi degli oneri di sicurezza, mentre i tempi per l’esecuzione dei lavori rimangono fissati in centoquarantanove giorni anziché i trecento previsti dal bando; tempi dimezzati che aprono alla speranza di vedere risolto al più presto il problema della distribuzione idrica spesso non sufficiente per tutti. La spesa per i lavori trova la totale copertura grazie al conforto finanziario del contributo della Regione Campania per un importo complessivo di tremilionitrecentocinquantacinquemila euro.

Adesso la cittadinanza non attende altro che l’inizio dei lavori che dovrebbero dare la possibilità a tutti di fruire del prezioso liquido senza l’ausilio “storico” di cisterne e elettropompe per approvvigionarsi, visto che da anni svetta “turgido” un torrino in località “Ferrarozzo” che dovrebbe garantire (si spera, ndr) la fornitura idrica anche ai piani alti.

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *