+ VANGELO (Mc 6,45-52)

Gesù che parla alla genteVenerdì 9 gennaio 2015

Feria propria

 

 

Videro Gesù camminare sul mare.

 

+ Dal Vangelo secondo Marco

Dopo che i cinquemila uomini furono saziati, Gesù subito costrinse i suoi discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, a Betsàida, finché non avesse congedato la folla. Quando li ebbe congedati, andò sul monte a pregare. Venuta la sera, la barca era in mezzo al mare ed egli, da solo, a terra. Vedendoli però affaticati nel remare, perché avevano il vento contrario, sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare, e voleva oltrepassarli. Essi, vedendolo camminare sul mare, pensarono: «È un fantasma!», e si misero a gridare, perché tutti Lo avevano visto e ne erano rimasti sconvolti. Ma egli subito parlò loro e disse: «Coraggio, sono Io, non abbiate paura!». E salì sulla barca con loro e il vento cessò. E dentro di sé erano fortemente meravigliati, perché non avevano compreso il fatto dei pani: il loro cuore era indurito. Parola del Signore

 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Oggi è questa frase di Gesù a donarci una grande forza e la vera serenità nei momenti di tribolazione: Coraggio, sono Io, non abbiate paura!”. Queste parole non le ripetono le persone mortali, neanche i familiari perché non possono fare nulla oltre le deboli capacità umane, invece ripetute da Gesù acquistano una rilevanza soprannaturale.

Noi abbiamo necessità di accogliere nella nostra anima queste parole e lasciarle dimorare, farle crescere per diventare certezza.

Quando tutto procede normalmente ogni persona si convince di essere forte, di dominare ogni situazione. All’arrivo di una sofferenza, quando ci si accorge che le sole forze umane sono insufficienti per sostenere certi mali, allora molti credenti ricorrono alla preghiera e Gesù li attende per aiutarli.

Se Dio non fosse quel Padre buono che ci ha descritto Gesù, ci abbandonerebbe al nostro destino.

Ma alla misericordia c’è un limite, anche se è infinita da parte di Dio, può avere un limite da parte dell’uomo che intenzionalmente agisce con pura malizia e causa sofferenze nei buoni. In questi casi è l’uomo a rifiutare la misericordia e lascia subentrare la giustizia Divina.

Il Vangelo oggi ci dice che Gesù è sempre presente quando Lo cerchiamo, è sempre disponibile ad aiutare ma i cattivi che chiedono Grazie difficilmente le ottengono per la loro vita corrotta.

Coraggio, sono Io, non abbiate paura!”. Parole che meritano i buoni o i peccatori sinceramente pentiti, non possono ascoltarle quelli che rimangono con un piede in due staffe, che vogliono il male degli altri e le Grazie di Dio.

Gesù ci dice che ogni nostro respiro è ascoltato da Lui, è sempre vicino a noi e vuole risolvere, guarire, liberarci da ogni male.

 

1 Ave Maria per Padre Giulio

 

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16). 

http://www.gesuemaria.it/perche-sostenere-il-nostro-apostolato-con-una-donazione.html

 

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

 

Proposito

Nei progetti e nelle attese che si agitano dentro di me, sono in pace con me stesso, con gli altri, con Gesù?

 

Pensiero

L’apostolato più efficace, insostituibile, è quello di una vita santa e pia, operante con l’esempio e la preghiera. (Papa Pio XII)

 

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

 

http://www.gesuemaria.it/efficace-preghiera.html

 

 

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

 

 

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...