+ VANGELO (Mt 6,19-23)

Venerdì 22 giugno 2018

XI Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 6,19-23)

Dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tignola né ruggine consumano e dove ladri non scassinano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore. La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Gesù tocca il tasto dolente di questa società: il denaro. L’attaccamento al denaro è ancora più esasperato della stessa ricerca del denaro, una differenza sottile ma decisiva. Il Signore ci invita a non accumulare tesori sulla terra, perché durano poco e sono malsicuri e fragili, “dove tignola e ruggine consumano” oppure “ladri scassinano e rubano”.

Per grandi che siano i beni che si riescono ad accumulare durante una vita, non valgono la pena.

Nessuna cosa sulla terra merita che vi poniamo il cuore.

Il cuore è fatto per Dio, per tutte le cose nobili della terra. È molto utile che ci chiediamo con una certa frequenza: dov’è il mio cuore? Qual è il mio tesoro? A che cosa penso abitualmente? Qual è il centro delle mie preoccupazioni più intime?

È Dio, presente nel Tabernacolo forse non molto lontano dal luogo in cui vivo e lavoro?

O, al contrario, quello che sta in primo piano sono gli affari, lo studio, il lavoro, o i miei interessi egoistici insoddisfatti, l’ansia di possedere di più?

Molti uomini e donne, se fossero sinceri con se stessi, si troverebbero una risposta molto amara: penso a me, solo a me, e a cose e persone strettamente legate ai miei interessi. Noi, invece, vogliamo porre il cuore in Gesù, nel mandato che da Lui abbiamo ricevuto, e anche nelle persone e nelle cose ma per Dio.

Gesù con infinita sapienza ci consiglia: “Accumulatevi invece tesori in Cielo, dove né tignola né ruggine consumano e dove ladri non scassinano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore”.

Il nostro cuore è messo nel Signore, perché il tesoro è Lui, in modo assoluto e reale. E non lo sono la salute, né il prestigio, né il benessere.

È solo Gesù Cristo il vero tesoro del cristiano sincero!

In particolare il Signore desidera che riponiamo il cuore nelle persone della famiglia umana o soprannaturale che abbiamo, e che normalmente sono quelle che prima di altre dobbiamo portare a Dio, e costituiscono la prima realtà che dobbiamo santificare.

La nostra preoccupazione per gli altri ci aiuta ad uscire dall’egoismo, a crescere in generosità, a trovare l’autentica gioia.

Il buon esempio dei genitori in casa, o quello dei fratelli, è spesso determinante per gli altri membri della famiglia, che imparano a vedere il mondo da un punto di vista cristiano. Per volere di Dio la famiglia è così importante che nella famiglia cristiana comincia l’azione evangelizzatrice della Chiesa.

Ognuno esamini se è così nella sua famiglia, se siamo lievito che giorno dopo giorno va trasformando, a poco a poco, coloro che vivono con noi. Là dov’è il nostro tesoro, là ci saranno l’amore, la dedizione, i sacrifici più generosi.

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *