Vertenza Cento Editori sul libro “Il Casalese”

Comunicato Stampa

 

 

“Ho rappresentato le ragioni della casa editrice al magistrato, replicando a tutte le contestazioni mosse dai legali di Giovanni Cosentino. Alla luce di ciò ritengo che il ‘Casalese’ sia la migliore e più realistica immagine di una certa Italia ostaggio di subculture politiche”. Lo afferma Pietro Valente, amministratore delle Edizioni Cento Autori, a margine dell’udienza che, questa mattina, si è tenuta presso il palazzo di giustizia di Napoli, dove gli avvocati del fratello dell’ex sottosegretario all’Economia, Nicola Cosentino, hanno presentato, con procedura d’urgenza, una richiesta di sequestro e distruzione delle copie del volume “Il Casalese – Ascesa e tramonto di un leder politico di Terra di Lavoro” nonché 1,2 milioni di euro di risarcimento danni.

Nessun provvedimento in merito è stato, per il momento, preso dal giudice Anna Giorgia Carbone, della sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale del tribunale partenopeo, che si è riservata di decidere entro i prossimi giorni. Sono invece state riformulate le conclusioni da parte dai legali di Giovanni Cosentino, che dopo la richiesta di rinvio concordata nell’udienza dello scorso 5 aprile, questa mattina hanno “abbandonato” la richiesta di risarcimento.

 

Mattia Branco

Ho diretto,ho collaborato e collaboro con periodici locali e riviste professionali. Attualmente conduco uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *