PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI CONSIGLIO PROVINCIALE ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CASERTA TRIENNIO 2014 / 2017

ANCLLogo CdL  Liste ANCL 2014 2017.pdf (114.2 KB)

Carissimi Colleghi.

Ci avviamo al rinnovo del “Nostro” Consiglio Provinciale dell’Ordine, che avverrà in data 07.03.2014. La

collaborazione tra Consiglio Provinciale Uscente ed U.P. ANCL SU di Caserta, ha visto in questi anni

ottenere alla “Nostra” Categoria Casertana, notevoli risultati in termini di rappresentanza, visibilità,

formazione, informazione e attività Sindacale. Caserta è presente nel C.d.A. dell’ENPACL, nel Consiglio

Nazionale dell’ANCL SU e nel C.d.A. della Teleconsul Editore S.p.A., Società di Categoria. Eventi Formativi,

con Giornate Studio presso la Sede dell’Ordine di Caserta e per concludere l’Evento Convegnistico presso la

Reggia di Caserta del 20 Novembre 2013, con la presenza dei Vertici Nazionali, ci ha dato Lustro e Visibilità.

L’informazione, puntuale e costante con le Edicole quotidiane. Non da meno l’Azione Sindacale nei

confronti della Sede INPS di Caserta in materia di Accessi e di errata applicazione di norme di legge (art. 1

comma 1175 L. 296/2006). Un’Azione Sindacale ed Istituzionale, che ci ha visti coinvolgere il Prefetto e la

Direzione Centrale dell’INPS, che come ammissione di colpa, ha provveduto a modificare e correggere le

comunicazioni sugli Avvisi a Sanare. Adesso, però resta il Pregresso.

Pensare al Futuro, in un momento così difficile, non è semplice, ecco perché alla CONTINUITA’ bisogna

pensare ad una graduale INNOVAZIONE, che deve vedere la “Nostra” Professione in costante Crescita. Lotta

all’Abusivismo, Tariffa Professionale, Formazione, Informazione, Visibilità, Centro Studi, Rappresentanza.

LOTTA ABUSIVISMO

Nel prossimo Triennio, Forte e Costante dovrà essere la lotta all’Abusivismo professionale. Un’Azione

Congiunta con il Sindacato di Categoria e con le Istituzioni (INPS, INAIL, Cassa Edile, Agenzia delle Entrate)

nel bloccare chi senza alcun Titolo Professionale si arroga il Diritto di mettere a rischio la Garanzia

Professionale verso le Istituzioni e creare un danno di Immagine alla Nostra Categoria. Il Consiglio, avrà cura

di comunicare alle Istituzioni, gli Iscritti all’Ordine che hanno pieno titolo allo svolgimento dell’Attività

Professionale. Provvederà a monitorare con costante periodicità anche la posizioni dei Colleghi morosi che

continuano a svolgere le Attività Professionali a discapito dei Colleghi Virtuosi. Utilizzerà tutte le Azioni,

comprese quelle Legali a Tutela dei Colleghi.

TARIFFA PROFESSIONALE

E’ innegabile che l’abolizione della Tariffa Minima Professionale ha arrecato un notevole danno alla Nostra

Professione in termini di gestione dei Nostri Studi e in Termini di Concorrenza. Il Consiglio Provinciale

dell’Ordine, si farà carico di adottare e verificare soluzioni in materia di Minimi Tariffari ed evitare la Sleale

Concorrenza, evitando la Gestione delle Attività Professionali con Tariffe Ridicole che Offendono la Nostra

Categoria.

FORMAZIONE

E’ innegabile che la Formazione, è sempre stato il Fiore all’Occhiello della Nostra Categoria, essendo stata la

Prima in Assoluto ad inserirla nel Piano di Formazione Continua Obbligatoria. Con la Nuova Riforma

Professionale, se prima era solo un Obbligo di Categoria, adesso diventa un Obbligo Legislativo. Quindi

dovrà obbligatoriamente essere un’importante elemento di interesse del “Nostro” Consiglio Provinciale.

Nel prossimo Triennio, si provvederà alla Formazione dei Quadri e dei Dirigenti Professionali senza

trascurare e sviluppare la Formazione di Tutti gli Iscritti all’Ordine. Si dovrà quindi programmare l’attività

formativa da una parte promuovendo e collaborando ad iniziative che colgano la necessità di

approfondimento delle tematiche professionali, e dall’altra , sostenendo e incoraggiando iniziative

seminariali e convegnistiche di taglio estremamente pratico, che sappiano evidenziare elementi di criticità

delle singole questioni affrontate. Promuovere occasioni formative come Giornate Studi, in cui si intende

coinvolgere le amministrazioni pubbliche di interesse della categoria, che potranno rappresentare anche

l’occasione per l’istituzione di tavoli di confronto permanente, ai vari livelli territoriali, per pervenire a

soluzioni applicative condivise .

INFORMAZIONE

Con l’utilizzo di importanti risorse, Il Consiglio Provinciale dell’Ordine di Caserta, si è dotato del sito internet

, già rivisitato e molto vicino ai Colleghi per i contenuti e gli aggiornamenti.

Ciò nonostante bisogna fare di più.

L’opportunità offerta da internet, deve costituire la vera scommessa del progresso professionale e di quello

sindacale .

Nel Prossimo Triennio, si dovrà lavorare affinchè a breve, il proprio sito , divenga il riferimento quotidiano

del Consulente del Lavoro attraverso l’offerta agli accreditati di servizi veri e concreti di supporto (rassegne

stampa, banche dati, raccolte normative, Area Sindacale, evidenza dell’attività del Centro Studi, ecc) . Una

riorganizzazione che comporterà indubbiamente ulteriore impegno ma che dovrà essere mirata alla

ottimizzazione e sviluppo delle attività attualmente realizzate.

Dovrà poi seriamente attivarsi per la costruzione di una rete informatica dotando dei necessari strumenti

informatici per agevolare lo scambio di informazioni, di aggiornamenti professionali, e delle esperienze

sindacali territoriali.

VISIBILITA’

La Visibilità Della “Nostra” Professione e di Tutta la Categoria, passa oltre che dalla Costante Informazione,

anche da Azioni Mirate a risaltare il Ruolo del Consulente del Lavoro. Importante dovrà essere in Futuro la

possibilità di avere contatti ed istituire Convenzioni o Progetti con le Scuole Superiori e con le Università.

Altra importante attività, per mettere in risalto la Figura del Consulente del Lavoro, è l’Istituzione di un

Addetto Stampa che unitamente ad un gruppo di Colleghi, nominati dal Consiglio, possa dedicarsi alla

realizzazione di articoli da Pubblicare sui maggiori quotidiani di Tiratura Provinciale.

CENTRO STUDI

Nell’ampio programma di Innovazione del Consiglio Provinciale, è di vitale importanza il ruolo del Centro

Studi che deve assumere il carattere distintivo delle attività formative e di ricerca e deve divenire il

concreto riferimento tecnico e giuridico degli iscritti. In quest’ottica, si intende ulteriormente aprire la

collaborazione a quanti della Categoria, vorranno partecipare alla attività scientifica a sostegno della

professione, consentendo all’attività scientifica di rappresentare il vero cuore pulsante del Centro Studi.

Intensificare la tecnologia ci consentirà di avere uno scambio di opinioni e informazioni in tempo reale, di

esprimere la propria opinione su una determinata questione ed offrire sfaccettature diverse per giungere a

linee guida comuni. Per fare questo bisogna, certo valorizzare gli apporti volontari, ma anche bisogna uscire

dalla disponibilità occasionale , volontaria e gratuita e tracciare un percorso ad alta specializzazione ,

reperendo le necessarie risorse economiche.

RAPPRESENTANZA

Gli Sforzi, i Sacrifici, l’Impegno Costante, profuso da questo C.P.O e dall’U.P. ANCL, ha permesso negli

Ultima anni di Ottenere grossi risultati in termini di Rappresentanza della “Nostra” Categoria Provinciale, sia

a livello Regionale che a livello Nazionale. L’Impegno Futuro, dovrà essere quello di non vanificare gli sforzi

fatti e di proporre sempre ulteriori Eccellenze che contribuiscono alla Crescita dei Consulenti del Lavoro

della Provincia di Caserta. Bisogna Puntare ad Ottenere Rappresentanza nei Tavoli Tecnici dell’ORMEL,

ConfProfessioni, CUP, Prefettura, Politiche del Lavoro. Il Futuro di questo Consiglio Provinciale dell’Ordine,

ci dovrà permettere di essere sempre aperti al confronto, sempre aperti al dibattito in ogni sede , non

svendendo o barattando la dignità professionale e consapevoli che la rappresentanza in democrazia va

tradotta in responsabilità delle azioni. Una nuova metodologia, quindi, con cui il C.P.O. dovrà muoversi

prossimamente: puntare ad un lavoro di squadra, con l’U.P. ANCL di Caserta e con i Giovani, che superi ogni

ipotesi di immobilismo e coinvolga.

La Continuità & l’Innovazione, non deve essere una contrapposizione, ma la chiara volontà di ottenere un

Consiglio Provinciale più Forte e più Presente, con obiettivi chiari e condivisi. Sarà necessaria grande

volontà, grande ambizione ma soprattutto grande coesione . Un Consiglio Provinciale forte , affidabile e

credibile è la forza, la credibilità e l’affidabilità di tutti noi.

Lavoriamoci tutti, lavoriamoci insieme.

Il Presidente U.P. ANCL di Caserta Il Presidente C.P.O. di Caserta

Carmine Esposito Stefano Scialdone

 

Mattia Branco

Ho diretto, ho collaborato con periodici locali e riviste professionali. Ho condotto per nove anni uno spazio televisivo nel programma "Anja Show".

Potrebbero interessarti anche...